Oms: restrizioni viaggio anti-Covid "causano danni economici"

Il logo dell'Oms - Sputnik Italia, 1920, 20.01.2022
Seguici suTelegram
L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha esortato le nazioni di tutto il mondo a revocare o allentare le restrizioni di viaggio legate al Covid-19, affermando che si sono rivelate di scarso valore per la salute pubblica, ma dannose per la crescita economica.
Il 13 gennaio, il Comitato di emergenza dell'OMS sui regolamenti sanitari internazionali si è riunito in videoconferenza per valutare gli ultimi sviluppi della situazione pandemica in tutto il mondo, con particolare attenzione alla diffusione del ceppo Omicron, e rivedere le misure di risposta al Covid-19.

"Il Comitato ha identificato le seguenti azioni come critiche per tutti i paesi: [...] revocare o allentare i divieti di circolazione internazionale in quanto non forniscono valore aggiunto e continuano a contribuire allo stress economico e sociale sperimentato dagli Stati", si legge in una nota del Comitato.

È stato anche osservato che il fallimento delle restrizioni di viaggio per limitare la diffusione transfrontaliera di Omicron hanno dimostrato la loro inefficacia.
I paesi dovrebbero fare affidamento su una valutazione del rischio basata sull'evidenza, quando scelgono di introdurre requisiti di viaggio, vale a dire l'uso della mascherina, i test, la vaccinazione e la quarantena, ed "evitare di gravare sugli oneri finanziari dei viaggiatori internazionali".

È stato inoltre consigliato di non richiedere il certificato di vaccinazione per i viaggi internazionali, in ragione "dell'accesso globale limitato e la distribuzione iniqua dei vaccini Covid-19".

L'OMS ha poi esortato gli stati a riconoscere tutti i vaccini che hanno ricevuto l'autorizzazione dell'OMS, in particolare nel contesto dei viaggi internazionali, chiedendo inoltre agli stati di sostenere la ricerca "per ricavare la strategia di vaccinazione ottimale per ridurre l'infezione, la morbilità e la mortalità".
Finora, l'OMS ha approvato 10 vaccini COVID-19, tra cui Covovax, Moderna, Comirnaty, Janssen, AstraZeneca, Covishield, Covaxin, Sinovac e Sinopharm, con altri 10 vaccini in fase di revisione, tra cui i russi Sputnik V ed EpiVacCorona.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала