Gli USA approvano la spedizione di armi in Ucraina da tre paesi NATO - Politico

© flickr.com / US Air ForceLanciarazzi portatile "Stinger"
Lanciarazzi portatile Stinger - Sputnik Italia, 1920, 20.01.2022
Seguici suTelegram
Tra i sistemi d'armamento che vengono inviati a Kiev figurano anche missili anticarro di ultima generazione.
Il Dipartimento di Stato ha dato il via libera a Lettonia, Estonia e Lituania, tutti paesi membri della NATO, per l'invio di armi di fabbricazione statunitense in Ucraina, per far fronte alla presunta minaccia di invasione su più fronti da parte delle forze armate russe.
Lo ha riferito Politico, che cita come fonte un funzionario dell'amministrazione statunitense, che ha parlato in condizione di anonimato.
Nel reportage viene inoltre precisato che le richieste sono state ricevute nelle ultime settimane e l'ultima delle tre è stata approvata mercoledì, dopo essere stata ricevuta la sera prima.

In base alle normative sul controllo delle esportazioni, infatti, i tre paesi dovevano ottenere l'approvazione dal Dipartimento di Stato, prima di trasferire le loro armi in Ucraina.

Nei prossimi giorni, il governo americano darà il via anche al processo di invio di armi e armamenti per un valore di 200 milioni di dollari.
La Russia ha ripetutamente respinto le accuse dell'Occidente e dell'Ucraina di voler compiere "azioni aggressive", affermando che non minaccia nessuno e non attaccherà nessuno e che le dichiarazioni sull'"aggressione russa" sono usate come scusa per riposizionare un maggior equipaggiamento militare della NATO vicino ai confini russi.
Vladimir Putin e Alexander Lukashenko - Sputnik Italia, 1920, 19.01.2022
'Storie dell'orrore': Minsk respinge insinuazioni Usa su invasione russa dell'Ucraina da Bielorussia
Il ministero degli Esteri russo ha reso noto in precedenza che le dichiarazioni occidentali sull'"aggressione russa" e sulla possibilità di aiutare Kiev a difendersi da essa sono sia ridicole che pericolose.
Da parte sua, il viceministro del dicastero Sergey Ryabkov ha ribadito che la Russia non ha intenzione di intraprendere alcuna azione aggressiva nei confronti dell'Ucraina.
"Non intraprenderemo alcuna azione che minaccerà l'Ucraina. Facciamo solo esercitazioni, trasferimenti di routine di truppe sul nostro stesso territorio", sono state le parole del numero due della diplomazia di Mosca.
Allo stesso modo, il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha affermato che la Russia movimenta le truppe all'interno del suo territorio a propria discrezione. Secondo lui, il fatto di per sé non minaccia nessuno e non dovrebbe preoccupare nessuno.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала