Omicidio ambasciatore Luca Attanasio, arrestati in Congo i presunti killer - Video

Ambasciatore italiano Luca Attanasio
 Ambasciatore italiano Luca Attanasio - Sputnik Italia, 1920, 19.01.2022
Seguici suTelegram
Svolta nella vicenda dell'omicidio dell'ambasciatore italiano in Congo Luca Attanasio: sono stati effettuati 6 arresti.
Vi sarebbe una svolta nelle indagini in seguito all'omicidio dell'ambasciatore italiano Luca Attanasio, avvenuto nella Repubblica Democratica del Congo il 22 febbraio 2021.
Nell'attacco erano morti anche il carabiniere Vittorio Iacovacci e l'autista Mustapha Milambo.
Le autorità della provincia congolese di Nord Kivu riferiscono che in merito alla vicenda sono state tratte in arresto 6 persone, appartenenti a gruppi criminali locali.
Ne danno l'annuncio giornalisti e media locali, un tweet riporta che: "A Nord Kivu la polizia afferma di aver messo le mani sui presunti assassini dell'ambasciatore italiano Luca Attanasio".
I sei, tutti ammanettati, compaiono nel video di fronte al comandante della polizia della provincia orientale del Paese, Aba Van Ang.
La banda criminale, di cui si presume facessero parte il gruppo di assalitori al convoglio dell'ambasciatore e che ha portato alla morte del diplomatico italiano, oltre che di un militare italiano e dell'autista locale, era specializzata nei sequestri di persona, con alle spalle una lunga lista di fatti criminosi.
I fermati fanno parte di due gruppi criminali chiamati Bahari e Balume, ritenuti responsabili di diversi omicidi e di attacchi a scopo di rapina.
Non è stato ancora assicurato alla giustizia il capo della stessa banda, colui che pare abbia materialmente premuto il grilletto, provocando la morte dei tre uomini, che risulta essere ancora in fuga.
Le autorità sperano però che l'arresto dei componenti del gruppo possa portare all'identificazione del luogo ove si nasconde il capo, e al successivo arresto.
Funerali dell'ambasciatore italiano Luca Attanasio a Roma - Sputnik Italia, 1920, 16.07.2021
Omicidio dell’Ambasciatore Attanasio, le responsabilità dietro la tragedia
Luca Attanasio ha ricevuto a dicembre la "Gran Croce d'Onore" dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, postuma, ed è stato promosso ambasciatore di grado dalla Farnesina.
L'ambasciatore, al momento dell'attacco, era in missione con il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite.
Come riferisce un tweet, "i rapitori volevano ricevere un milione di dollari come riscatto per l'ambasciatore".
Il loro piano è andato in fumo quando il capo della banda ha sparato, uccidendo il diplomatico.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала