Le vongole sono soggette a un tumore contagioso che potrebbe metterne in pericolo la specie

CC0 / Pixabay.com / Vongole di Natale
Vongole di Natale - Sputnik Italia, 1920, 19.01.2022
Seguici suTelegram
Sono state sollevate preoccupazioni per la potenziale minaccia ecologica derivante dalla scoperta, recentemente fatta da un’equipe di biologi marini, secondo la quale le vongole, caso raro in natura, possono trasmettersi un particolare tipo di tumore, come fosse un virus, che potrebbe comprometterne la specie.
I risultati dello studio, intitolato Sequenziamento del genoma mitocondriale delle leucemie marine rivela il contagio del cancro tra le specie di vongole nei mari dell'Europa meridionale, sono stati pubblicati su eLife e rivelerebbero, come preannuncia chiaramente il titolo, che il cancro possa passare da una specie di vongole all'altra, diffondendosi tra i molluschi che vivono nell'Oceano Atlantico e nel Mar Mediterraneo.
"Ci siamo proposti di confermare se un cancro del sangue simile alla leucemia trovato in alcuni bivalvi infetti anche la Venere verrucosa, altrimenti nota come vongola venere verrucosa, che si trova nei mari dell'Europa meridionale", ha affermato il co-primo autore dello studio, Daniel García -Souto, ricercatore post-dottorato in genetica presso l'Università di Santiago de Compostela - USC, Galizia, Spagna.
Le cellule tumorali in genere crescono e si diffondono in un individuo, senza diffondersi ad altri, con le poche eccezioni a questa regola che sono alcuni tumori nei diavoli della Tasmania, nei cani e nei molluschi bivalvi. Questi, secondo i ricercatori, possono diffondersi ad altri membri della stessa specie, confermerebbe questa ricerca.
Almeno due di questi casi sono stati documentati in studi precedenti. Inoltre, è stato suggerito che le attività umane, anche se inavvertitamente, potrebbero contribuire alla diffusione in luoghi e specie sempre nuovi.
I ricercatori coinvolti nello studio sono stati a queste conclusioni dopo aver raccolto 345 vongole venere verrucose dalle aree costiere di Spagna, Portogallo, Francia, Irlanda e Croazia.
Un tipo di cancro del sangue chiamato neoplasia emica è stato scoperto in esemplari di questa specie, raccolti da due diverse regioni costiere della Spagna: lungo la costa atlantica del paese e poi a oltre 1.000 miglia nautiche (quasi 1.900 chilometri) nel Mar Mediterraneo.
Ricorrendo al sequenziamento dell'intero genoma, la squadra di ricercatori ha scoperto che il cancro conteneva sequenze genetiche sia del mollusco verrucoso che di un'altra specie di mollusco: la Chamelea gallina, o mollusco di Venere striato. Di conseguenza, il tumore aveva avuto origine in una singola specie, per poi diffondersi anche all’altra.
"La somiglianza genetica delle cellule tumorali trovate nelle vongole venere verrucose sia nell'Oceano Atlantico che nel Mar Mediterraneo suggerisce che le attività di spedizione umana potrebbero aver trasportato il cancro da una regione all'altra", ha detto la prima autrice dello studio Alicia Bruzos, del Francis Crick Institute di Londra.
L'autore capo José Tubío, ricercatore in genomi e malattie presso l'USC, ha sottolineato che, poiché lo studio ha confermato che i tumori contagiosi possono saltare tra le specie di vongole marine, ciò potrebbe rappresentare una potenziale minaccia per l'ecologia marina", aggiungendo che sono necessari ulteriori studi per preservare la salute di queste specie.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала