Berlusconi e le escort, 4 donne a processo per falsa testimonianza: Cavaliere in udienza 21 gennaio

© AP Photo / Luca BrunoЛидер правоцентристской коалиции Сильвио Берлускони играет в прятки со СМИ в одной из школ Милана, 2000 год
Лидер правоцентристской коалиции Сильвио Берлускони играет в прятки со СМИ в одной из школ Милана, 2000 год - Sputnik Italia, 1920, 18.01.2022
Seguici suTelegram
Il gup di Bari le ha rinviate a giudizio insieme all’autista dell’imprenditore Gianpaolo Tarantini, le quattro donne sono accusate di falsa testimonianza e il cavaliere Silvio Berlusconi è atteso in aula il giorno 21 gennaio, a soli tre giorni dall’inizio, a Roma, delle votazioni per l’elezione del presidente della Repubblica.
Le quattro donne e l’ex autista dell’imprenditore Tarantini, quest’ultimo condannato in Cassazione a 2 anni e 4 mesi per il reclutamento delle donne portate alle cene di Arcore a casa di Silvio Berlusconi, sono state rinviate a giudizio dal Tribunale di Bari.
Sono accusati di avere mentito sulle notti di sesso con Silvio Berlusconi, che sarebbero avvenute tra il 2008 e il 2009 nelle varie residenze possedute dall’allora presidente del Consiglio dei ministri.
Il processo per i cinque inizierà il prossimo 7 di aprile davanti al giudice monocratico, per aver mentito durante il processo escort a carico di Berlusconi.

Berlusconi imputato per induzione a mentire

Il processo del 7 aprile è uno stralcio del processo in cui Silvio Berlusconi risulta essere imputato per induzione a mentire.
Secondo l’accusa a carico del Cavaliere, questi avrebbe pagato le bugie dette dall’imprenditore Gianpaolo Tarantini durante le indagini sulle escort che invitava nella sua “corte”.
L’accusa ritiene che Berlusconi abbia fornito a Tarantini i migliori avvocati e centinaia di migliaia di euro per indurlo a mentire a suo favore.
Silvio Berlusconi è atteso a Bari in udienza il prossimo venerdì 21 gennaio, riporta il Corriere del Mezzogiorno.
Tutto ciò mentre a Roma, il 24 gennaio, avranno inizio alla Camera dei Deputati le votazioni per l’elezione del presidente della Repubblica. Il centrodestra ancora sostiene la candidatura di Berlusconi, il quale non ha ancora sciolto la riserva, ma pare intenzionato a non voler rinunciare alla conta dei voti.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала