All'Europa consigliato di cambiare la strategia di stoccaggio del gas

© AP Photo / Bela SzandelszkyGas
Gas - Sputnik Italia, 1920, 17.01.2022
Seguici suTelegram
Bloomberg: le autorità di regolamentazione europee dovrebbero spingere per il riempimento dei siti di stoccaggio del gas.
Le autorità europee dovrebbero imparare dalla crisi del gas che ha colpito il continente questo inverno e introdurre nuove regole per lo stoccaggio e il riempimento dello stoccaggio, scrive il collaboratore di Bloomberg Julian Lee.
Sarebbe stato più conveniente per i Paesi vendere i propri impianti di stoccaggio a Gazprom: l'azienda fornisce forniture affidabili dagli anni '60 e le scorte di materie prime erano immagazzinate non lontano dai consumatori e l'azienda russa si assumeva tutti i costi.
Tuttavia, quest'inverno i depositi di gas non sono stati riempiti a sufficienza. Gli europei non si mostravano precipitosi nell'affittarli, così Gazprom non poteva riempirli. Di conseguenza, c'è stata una carenza di gas ed i prezzi sono aumentati.

"Sconcertante è il fatto che l'Europa non abbia mai introdotto requisiti minimi di stoccaggio per le società straniere o nazionali che possiedono le strutture idonee", ha scritto l'autore dell'articolo.

Lee ha invocato interventi per prevenire il ripetersi della carenza di combustibile bli, dal momento che le scorte non erano state mai così basse come in questa stagione.
"La proprietà degli impianti di stoccaggio del gas in Europa dovrebbe essere accompagnata dall'obbligo di riempirli prima dell'inizio dell'inverno", ha riassunto il giornalista.
I prezzi del gas hanno iniziato a salire bruscamente tra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno, raggiungendo un massimo di quasi $ 2.200 per mille metri cubi il 21 dicembre.
Gli esperti attribuiscono l'aumento dei prezzi a diversi fattori: il basso livello di saturazione degli impianti di stoccaggio sotterranei europei, l'offerta limitata dai principali fornitori e la forte domanda di gas naturale liquefatto in Asia.
Le autorità dei Paesi europei hanno ripetutamente accusato la Russia di aver provocato la crisi energetica. Vladimir Putin ha definito queste affermazioni una sciocchezza. Il leader russo ha ricordato di aver offerto a Bruxelles l'apertura e sottoscrizione di contratti a lungo termine per la fornitura di materie prime. Tuttavia, la Commissione europea ha insistito sulla logica del prezzo di mercato, che alla fine ha portato a una crisi, ha sottolineato.
Corrente - Sputnik Italia, 1920, 15.01.2022
L’allarme della Cgia: “Le pmi pagano elettricità e gas più caro delle grandi aziende”
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала