La Svezia indaga sui voli dei droni sopra le centrali nucleari come ‘incidente nazionale’

Drone al tramonto - Sputnik Italia, 1920, 17.01.2022
Seguici suTelegram
Mentre per i droni più leggeri non è richiesto alcun permesso da parte dell'Agenzia dei trasporti svedese, essi devono essere fatti volare a vista a una certa distanza e non sopra strutture protette come le centrali nucleari.
La polizia svedese sta indagando sui voli non autorizzati di droni sopra diverse centrali nucleari in tutto il paese nordico trattandoli come un caso speciale.
La polizia ha confermato che i droni sono stati osservati sopra le centrali nucleari di Forsmark e Oskarshamn. I droni sono stati anche avvistati sopra la centrale nucleare di Ringshals e la centrale chiusa di Barsebäck, ma la polizia non ha potuto confermare queste informazioni.
Secondo la portavoce della polizia Petra Blomqvist, la prima osservazione di un oggetto volante sopra Forsmark è stata fatta venerdì sera ed è continuata per oltre un'ora. Secondo la polizia, non ci sono indicazioni che il drone sia atterrato all'interno dell'area della centrale nucleare.
“Questi sono eventi estremamente gravi. Stiamo indagando su una possibile connessione”, ha riferito Blomqvist in una dichiarazione.
La polizia ha deciso di gestire gli eventi come un incidente nazionale speciale, il che implica un certo livello di interconnessione. Gli avvistamenti e le indagini sono gestite a livello regionale, ma sono coordinati dal dipartimento operativo nazionale della polizia (Noa).
Attualmente non ci sono sospetti in nessuno dei due casi, riporta la polizia che sta indagando sull'accesso non autorizzato a strutture protette, sulle violazioni della legge sull'aviazione civile. Anche le forze armate sono state informate della vicenda.
Il ministro della difesa svedese Peter Hultqvist ha sottolineato che in precedenti occasioni i droni sono stati notati presso varie strutture protette in relazione alle esercitazioni militari.
“Questa è una cosa che accade di tanto in tanto. Abbiamo anche cambiato la legislazione in modo che questo tipo di drone possa essere abbattuto. Ora spetta alla polizia indagare”, ha detto Hultqvist all'emittente nazionale SVT.
Secondo gli esperti, però, la preparazione della Svezia contro attacchi perpetrati dai droni è insufficiente.
“Non abbiamo adattato il nostro modo di guardare a questo tipo di eventi alla realtà di oggi. Pensiamo ancora al mondo come in pace o in guerra”, ha affermato a SVT Hans Liwång, professore associato all'Accademia nazionale di difesa svedese. “La sorveglianza deve iniziare prima che l'evento si verifica, non dopo”, ha aggiunto.
Secondo informazioni non confermate e pubblicate dal quotidiano Svenska Dagbladet, si tratta di droni di grandi dimensioni, forse con motori a benzina e pale del rotore simili a quelle di un elicottero, e che potrebbero costare fino a 1 milione di corone svedesi (110.000 dollari). Joakim Stenberg, un tecnico della società UAS Intelligence Sweden, specializzata in droni, li ha definiti “estremamente insoliti”, poiché solo una singola azienda li produce in Svezia. I droni di questo tipo possono pesare fino a 50 kg e avere una portata fino a 200 chilometri.
Per i droni più leggeri, non è necessario alcun permesso da parte dell'Agenzia dei trasporti svedese, purché siano condotti a vista dall’utilizzatore, e non più in alto di 120 metri dal suolo e non sopra la folla o strutture protette.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала