Trump sicuro: è più difficile non con Cina, Nord Corea o Russia, ma con gli Usa

© AP Photo / Ross D. FranklinDonald Trump
Donald Trump - Sputnik Italia, 1920, 16.01.2022
Seguici suTelegram
Il 45esimo presidente continua a criticare l'amministrazione Biden per la presunta incapacità di far fronte all'afflusso di immigrati illegali ed ai fallimenti della politica estera nei confronti di Russia e Cina.
Secondo l'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il Paese più difficile con cui ha avuto a che fare durante il suo mandato sono stati gli Stati Uniti stessi.
"Questa folla è un enorme simbolo di ciò che è accaduto perché le persone sono affamate di verità: rivogliono indietro il loro Paese", ha detto Trump al raduno "Salva l'America".
"Voglio che il loro Paese faccia un passo indietro su confini aperti e cattive elezioni, siamo sempre stati considerati un Paese bellissimo che ha avuto elezioni eque, e ora siamo lo zimbello di tutto il mondo per molte ragioni", ha detto Trump.
Trump dice che l'America non ha mai avuto problemi di "mancanza di rispetto" da parte di altri Stati in precedenza.
Secondo l'ex presidente durante il suo mandato non ci sono stati problemi né con la Russia né con l'Ucraina, e nemmeno con Taiwan ed il presidente cinese Xi Jinping.

"Putin non sta minacciando solo l'Ucraina, ma ora sta minacciando di andare a Cuba e in Venezuela, è una mancanza di rispetto, e non abbiamo mai avuto quel problema, vero? Non ci sono stati problemi con Putin e l'Ucraina. Non ci sono stati problemi con il presidente Xi a Taiwan. Cina, Russia, e Iran sono impegnati in aggressioni e provocazioni; non avrebbero mai osato farlo solo un anno fa. Non avrebbero mai fatto niente di tutto questo", ha affermato Trump.

Trump ha ritenuto un'esagerazione le dichiarazioni di Mosca sulla possibilità di dispiegare infrastrutture militari all'estero, sostenendo che il presidente russo Vladimir Putin avrebbe intenzione di "entrare" a Cuba e in Venezuela.
"Stanno giocando con noi".
Giovedì il viceministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov ha detto a RTVI che non avrebbe nè confermato né escluso nulla sulla possibilità che infrastrutture militari russe possano esser dispiegate a Cuba o in Venezuela.
Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha detto ai giornalisti giovedì, commentando la dichiarazione di Ryabkov secondo cui Mosca potrebbe prendere in considerazione una presenza militare in America Latina, che questo problema non è stato sollevato durante i colloqui sulla stabilità strategica, ma gli Stati Uniti avrebbero affrontato una tale decisione di sicuro, qualora si fosse intrapresa una tale via.
Trump pare abbia inoltre accennato ad una sua possibile ricandidatura:

"Credo che il 2024 sarà ancora più importante; questo è l'anno in cui riprenderemo la Camera, riprenderemo il Senato e riprenderemo l'America. Questo è l'importante (...) e nel 2024 riprenderemo la Casa Bianca", ha detto Trump.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала