Omicron, ecco qual è il vaccino più efficace contro la nuova variante

© REUTERSVaccini anti-Covid
Vaccini anti-Covid - Sputnik Italia, 1920, 16.01.2022
Seguici suTelegram
Secondo i dati dell'Healt Security Agency del Regno Unito, ad una settimana dalla somministrazione della dose booster il vaccino di Moderna ha un’efficacia del 90 per cento, contro l’80 per cento circa del vaccino Pfizer.
Quanto è efficace la dose booster contro la variante Omicron? I dati che arrivano dalla Gran Bretagna, dove il 61,7 per cento della popolazione ha ricevuto il terzo richiamo del vaccino anti Covid, parlano di una protezione alta contro l’ospedalizzazione, che arriva fino al 92 per cento dopo quattro settimane dall’iniezione.
Tra i due vaccini con tecnologia mRna, il più efficace sembra essere quello messo a punto da Moderna.
Le statistiche, infatti, rivelano come ad una settimana dalla somministrazione il preparato della biotech del Massachusetts mostri un’efficacia al 90 per cento, contro l’80 per cento circa del vaccino Pfizer.
In generale, come ricorda Il Messaggero citando uno studio dell’Università della Carolina del Nord pubblicato sul New England Journal of Medicine, il picco della protezione dei vaccini a mRna, il 95 per cento, viene raggiunto dopo due mesi dalla prima dose.
A distanza di sette mesi, però, la ricerca evidenzia come il vaccino di Moderna mantenga una percentuale di protezione dell’80 per cento, mentre quella del vaccino Pfizer scende al 67.
Per quanto riguarda le ospedalizzazioni, con il vaccino Pfizer vengono evitate nel 96 per cento dei casi a due mesi di distanza dalla prima iniezione e nel 90 per cento dei casi a sette mesi. Con Moderna lo scudo è del 97 per cento dopo due mesi e del 94 per cento dopo sette mesi.
Secondo l’ultimo report dell’Health Security Agency del Regno Unito, “l’efficacia vaccinale contro la malattia sintomatica della variante Omicron sarebbe significativamente più bassa se comparata con la variante Delta e cala rapidamente”.
I vaccini, però, assicurano gli studiosi, proteggono lo stesso dall’ospedalizzazione. “In particolare – si legge nel report - dopo la dose booster: l’efficacia vaccinale è tra l’85 per cento e il 90 per cento”.
Intanto, in Gran Bretagna si sarebbe già toccato il picco dei contagi e la curva sembrerebbe aver iniziato la sua parabola discendente. Anche i ricoveri in ospedale, secondo le ultime dichiarazioni del ministro della Sanità inglese, Sajid Javid, starebbero diminuendo progressivamente.
Per questo il governo del premier Boris Johnson potrebbe dire addio a green pass e smart working. L’unica limitazione che resterebbe sarebbe quella dell’obbligo di utilizzare la mascherina sui mezzi pubblici e nei negozi.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала