Latina, uccide a botte la suocera, arrestato 44enne

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaPolizia
Polizia - Sputnik Italia, 1920, 16.01.2022
Seguici suTelegram
Ennesimo femminicidio. Questa volta a fare le spese della furia omicida una 70enne di Latina. Ad ucciderla il genero, con botte e percosse. Trasferita in ospedale dopo il ritrovamento in fin di vita da parte della figlia, non sono valsi a nulla i soccorsi: la donna è morta per le ferite riportate nell'aggressione.
È successo a Latina, nel Lazio. Un uomo, Antonio Salvatore Zappalà, di 44 anni, di origini siciliane, è stato arrestato con l'accusa di omicidio nei confronti di una donna di 70 anni, sua suocera. Lo riporta Ansa.
Ieri sera al rientro a casa la figlia della vittima ha trovato l'anziana madre a terra agonizzante, con evidenti segni di percosse.
Trasferita in pronto soccorso, la donna è stata operata di urgenza per liberarla da un grosso ematoma cerebrale causatole dalle percosse subite, ma l'operazione chirurgica non è servita; la donna è deceduta poche ore dopo.
Gravissimi gli indizi di colpevolezza a carico dell'uomo, portato in questura tra l'altro per aver aggredito i militari accorsi sul posto per le indagini di rito in merito alla segnalazione della figlia, dopo che si era rifiutato di indossare la mascherina anti Covid-19.
Indagini ancora in corso a carico della Procura della Repubblica di Latina.
La donna era la titolare del bar dove lavorava anche l'uomo.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала