Guarda in alto: alcuni asteroidi possono sorvolare la Terra inosservati, avverte la NASA

CC0 / / Meteorite
Meteorite - Sputnik Italia, 1920, 16.01.2022
Seguici suTelegram
La NASA sta attualmente lavorando a un compito delineato dal Congresso degli Stati Uniti nel 2005 per catalogare e tracciare la maggioranza assoluta degli oggetti spaziali vicini alla Terra potenzialmente pericolosi, ovvero corpi celesti che si possono avvicinare fino a 45 milioni di chilometri dall'orbita terrestre.
Contrariamente a quanto potreste vedere nella commedia di Netflix "Don't Look Up", gli Stati Uniti e in particolare la NASA fanno di tutto per monitorare gli oggetti nello spazio che potrebbero mettere in pericolo la Terra. E così, quando un asteroide di 100 metri, chiamato 2019 OK, si è avvicinato di soppiatto e ha sorpreso gli astronomi appena 24 ore prima di passare a 70.000 km dalla Terra (per confronto, la Luna gira intorno al pianeta a una distanza di 384.400 km) nel 2019 si sono precipitati a cercare di capire come abbia potuto coglierli alla sprovvista.
Un gruppo di scienziati finanziati dalla NASA ha finalmente stabilito che il sistema di monitoraggio della Terra, composto da dozzine di telescopi computerizzati, ha un "punto cieco" nella parte orientale del cielo durante la notte, secondo la loro ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Icarus.
A causa delle peculiarità dell'orbita ellittica della Terra attorno al Sole e della rotazione del pianeta verso est, alcuni oggetti spaziali potrebbero apparire fermi se osservati attraverso un telescopio. Normalmente, gli oggetti vicini alla Terra (NEO) appaiono come alla deriva verso ovest nel cielo, ma circa la metà di loro che si avvicinano al pianeta "da est" potrebbero cadere in questo punto cieco e rimanere inosservati per un lungo periodo di tempo.
Il sistema computerizzato dei telescopi ignora gli "oggetti stazionari" in modo che le supernove non lo possano confondere. Tuttavia, questa contingenza ha anche consentito all'oggetto identificato dalla sigla OK 2019 di rimanere inosservato invece di essere individuato un mese prima del suo passaggio vicino alla Terra. Ciò significa che questa specifica parte del cielo dovrà essere osservata più da vicino, hanno affermato i ricercatori.

"I sondaggi dovrebbero prestare particolare attenzione quando rilevano il cielo in questa direzione e seguire in modo "aggressivo" nuovi oggetti che si muovono lentamente", ha concluso il team di scienziati sostenuti dalla NASA nella loro ricerca.
Si aspettano anche che il sistema di telescopi possa essere aggiornato per evitare l'effetto di alcuni di questi oggetti spaziali che appaiono fermi.
Il Congresso degli Stati Uniti ha incaricato la NASA di monitorare il 90% dei NEO di dimensioni pari o superiori a 140 metri nel 2005. Ad oggi, circa il 40% di questi oggetti è stato catalogato.
Washington ha anche stanziato denaro per vari programmi di difesa planetaria nel corso degli anni. Uno di questi, il Double Asteroid Redirection Test (DART), studia il modo di deviare i pericolosi NEO lontano dal pianeta, facendo schiantare contro di essi un veicolo spaziale.
Impatto frontale con la Terra - Sputnik Italia, 1920, 11.01.2022
Asteroide dal diametro di oltre un chilometro si avvicina alla Terra: serve chiamare Bruce Willis?
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала