Truffa Green pass a Palermo, infermiera no-vax finge di vaccinare due coniugi: arrestata

© Filippo AttiliInfermiera prepara un vaccino
Infermiera prepara un vaccino - Sputnik Italia, 1920, 15.01.2022
Seguici suTelegram
La donna lavorava al reparto Malattie Infettive del Civico di Palermo senza essere vaccinata. Aveva ottenuto il super Green pass con una falsa vaccinazione, eseguita da un' infermiera arrestata a dicembre.
La Digos di Palermo ha arrestato questa notte un'infermiera, per aver finto di vaccinare due coniugi nel centro della Fiera del Mediterraneo di Palermo, dove prestava servizio con un falso super green pass, rilasciato dopo aver simulato l'inoculazione della dose di richiamo di vaccino anti-Covid.
La donna si chiama Giorgia Camarda, ha 58 anni e lavora come infermiera nel reparto di Malattie Infettive dell'ospedale Civico di Palermo. Nei suoi confronti il Gip del capoluogo siciliano ha emesso una misura cautelare di arresti domiciliari, con l'accusa di falso ideologico e peculato, eseguita dalla Polizia di Stato su delega della Procura.
Posta sotto indagine per concorso in falso e peculato anche la coppia di coniugi no-vax che l'infermiera ha finto di vaccinare.
L'operazione di stanotte si incastona in una più ampia indagine su simili episodi avvenuti nello stesso centro ai fini del rilascio del certificato verde. Gli inquirenti cercano di risalire al giro di false vaccinazioni, che farebbe capo al movimento no-vax.
Un mese fa, il 21 dicembre, un'altra infermiera, Anna Maria Lo Brano, la stessa che ha finto di somministrare la terza dose alla Camarda, è stata arrestata. Avrebbe preso soldi per i falsi vaccini di 11 persone, tra cui uno dei leader no-vax. È in carcere con l'accusa di corruzione, falso ideologico e peculato.
Gli investigatori sono riusciti a scoprire all'escamotage con cui veniva simulata la vaccinazione, grazie all'ausilio dei filmati delle videocamere di sorveglianza del centro vaccinale.
Le due infermiere avrebbero versato la dose su una garza e poi effettuato l'iniezione. Così riuscivano ad inviare la documentazione necessaria ai fini del certificato verde, senza l'effettiva somministrazione del vaccino.
L'attività investigativa per scoprire analoghi casi è ancora in corso, con il contributo della struttura del Commissario per l'emergenza Covid 19 per l'area metropolitana di Palermo.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала