Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L' Iran testa nuovo missile spaziale a combustibile solido: servirà per lanciare satelliti in orbita

© AP Photo / Iranian Defense MinistryMissile iraniano Zuljanah
Missile iraniano Zuljanah - Sputnik Italia, 1920, 15.01.2022
Seguici su
L'Iran ha testato con successo un razzo spaziale con motore a combustibile solido. Un razzo meno costoso e con un peso del carico utile ridotto per il raggiungimento dell'orbita terrestre bassa, dove viene inviata la maggior parte dei satelliti.
Il test è stato eseguito con successo, come ha dichiarato il comandante delle forze aerospaziali del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (IRGC), il generale di brigata Amir Ali Hajizadeh, durante un discorso agli studenti di teologia nella città di Qom.
Si tratta del primo successo di un razzo simile per l'Iran.
Il razzo vettore sviluppato e costruito a livello nazionale, Zuljanah, consentirà a Teheran di far progredire ulteriormente il suo nascente programma spaziale.
"D'ora in poi, l'Iran potrà lanciare un gran numero di satelliti utilizzando motori a basso costo".
Negli ultimi due anni i lanci di satelliti iraniani sono state realizzati su razzi vettore che utilizzano combustibili liquidi più costosi, ha spiegato Hajizadeh. Ma ora l'Iran può lanciare nuovi satelliti a un costo inferiore. Il comandante dell'IRGC non ha spiegato quanto l'Iran risparmierà ora su ogni lancio tramite il razzo Zuljanah.
Il motore a combustibile solido di Zuljanah produce una forza di 66 tonnellate o una spinta di 725 kN, piazzandolo alle spalle in termini di performance a Simorgh, un razzo che utilizza quattro motori a combustibile liquido che producono una spinta fino a 1.590 kN.
A causa di questa differenza, il razzo a combustibile solido Zuljanah può sollevare fino a 220 kg di carico utile contro i 350 kg che Simorgh può trasportare nell'orbita terrestre bassa.
Nonostante la doppia differenza di spinta, Zuljanah può ancora trasportare solo il 37% in meno di carico utile.
Il generale Hajizadeh ha affermato che il razzo a combustibile solido recentemente testato è stato costruito utilizzando materiali compositi anziché metalli, riducendo così il suo peso, risparmiando carburante per il decollo e aumentando la sua spinta complessiva.
L'Iran sta testando diversi vettori satellitari al momento, avendo già schierato diversi satelliti nell'orbita terrestre bassa. Questi satelliti monitorano principalmente il territorio iraniano per scopi agricoli e per rilevare vari pericoli, come gli incendi. Il ministero della Difesa iraniano ha riferito il mese scorso di aver lanciato 3 nuovi satelliti tramite il razzo vettore a combustibile liquido Simorgh.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала