Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Insegnante si rifiuta di indossare la mascherina Ffp2, gli studenti abbandonano la classe

CC0 / / Esame a scuola
Esame a scuola - Sputnik Italia, 1920, 15.01.2022
Seguici su
La docente, senza super green pass, chiama la polizia municipale di Modena per denunciare l’accaduto, ma è lei che viene multata dai vigili e sospesa.
Studenti attenti ai protocolli e soprattutto alla loro salute, più della loro insegnante. È quanto è emerso in una scuola media di Modena, la Carducci, dove un’insegnante è stata multata per non essere in possesso del green pass rafforzato, dopo aver chiamato i vigili urbani per denunciare che i suoi studenti avevano abbandonato l’aula perché lei non voleva indossare la mascherina Ffp2.
La vicenda risale a giovedì, quando la docente si è presentata in classe con la mascherina chirurgica, nonostante fosse stato riscontrato in classe un caso positivo nei giorni precedenti e il gruppo fosse in autosorveglianza.

L’insegnante si è rifiutata di indossare la Ffp2 e ha continuato a fare lezione. Gli studenti, però, stanchi dell’atteggiamento della professoressa, che anche in passato aveva adottato comportamenti di contrasto sulle misure di prevenzione, sono usciti dalla classe per protesta.

L’insegnante allora ha deciso di riprenderli con il telefonino e di chiamare la polizia municipale per denunciare l’accaduto.

Nel frattempo, anche i genitori degli alunni, informati dell’accaduto, hanno telefonato ai vigili, che arrivati nell’istituto hanno scoperto che la docente non aveva il super green pass, obbligatorio per la categoria da metà dicembre, e per questa ragione nei suoi confronti è scattata una sanzione da 400 euro e la sospensione.

Condanna e indagini dalle autorità locali

Sulla vicenda è arrivata la “ferma condanna" da parte del Comune di Modena e dell'assessore all'Istruzione, Grazia Baracchi.

"Per fortuna sono molto pochi gli insegnanti che non osservano le leggi e si comportano in modo irresponsabile e diseducativo".

L’assessore ha sottolineato che “le regole vanno rispettate ancor più quando sono finalizzate alla tutela della salute della collettività e in particolare dei più giovani”, che “in questa incresciosa vicenda hanno dato a tutti una bella lezione di responsabilità e senso civico".
Intanto, sono in corso accertamenti per capire se fosse o meno intercorso il periodo di alcuni giorni per potersi mettere in regola con il super green pass.

La vicenda arriva sul tavolo del governo

L'episodio non deve essere un “caso chiuso” solo con la multa all'insegnante. Lo afferma Sinistra italiana, il cui segretario, Nicola Fratoianni, ha annunciato un'interrogazione parlamentare al ministro dell'Istruzione, "perché vengano accertate tutte le responsabilità della docente e di chi ha permesso quello che è avvenuto".

Fratoianni ha elogiato gli studenti, "che si sono ribellati alla loro prof, negazionista e incurante delle precauzioni contro il contagio" e "hanno dimostrato serietà e correttezza.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала