Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La UE non approva il vaccino russo Sputnik V per motivi economici, afferma un deputato tedesco

© Sputnik . Sputnik / Vai alla galleria fotograficaIl vaccino russo contro COVID-19 Sputnik V
Il vaccino russo contro COVID-19 Sputnik V - Sputnik Italia, 1920, 14.01.2022
Seguici su
Lo Sputnik V sarebbe stato riconosciuto molto tempo fa nell'Unione Europea, se il vaccino fosse stato valutato da un punto di vista medico, ha detto ai media russi Petr Bystron, deputato della fazione ‘Alternativa per la Germania’ al Bundestag.
Il parlamentare tedesco ritiene che l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) non approvi il farmaco russo per motivi economici.
"Questa (l'agenzia EMA) protegge il mercato, in modo che le grandi aziende farmaceutiche occidentali possano vendere i loro farmaci senza concorrenza. Inoltre, non vuole garantire l'afflusso di valuta estera in Russia", ritiene Bystron.
Secondo il deputato tedesco, anche i fattori politici influenzano la decisione dell'EMA di non consentire l'uso dello Sputnik V.
Dal 4 marzo dello scorso anno, lo Sputnik V è stato sottoposto a una procedura d'esame graduale presso l'EMA, che approva i farmaci per uso centralizzato nell'Unione Europea.
Lo Sputnik V è stato approvato in 71 paesi, con una popolazione totale di quattro miliardi di persone, più del 50 per cento della popolazione mondiale. In termini di numero di approvazioni ricevute dalle autorità di regolamentazione del governo, lo Sputnik V è al secondo posto nel mondo.
L'efficacia del vaccino è stata del 97,6%, sulla base di un'analisi dei dati di 3,8 milioni di russi vaccinati, riporta il Fondo Russo per gli Investimenti Diretti (RDIF) e il Centro di ricerche Gamaleya. Questo dato è persino superiore ai dati, per altro già eccellenti, pubblicati in precedenza dalla rivista medica Lancet, dove veniva indicata un’efficacia del 91,6%.
Le informazioni sull'uso dello Sputnik V nella vaccinazione della popolazione nei paesi del mondo (Argentina, San Marino, Serbia, Ungheria, Bahrain, Messico, Emirati Arabi Uniti e altri) dimostrano che il farmaco russo è uno dei più sicuri e più efficace contro il coronavirus, ha riferito RDIF.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала