Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Turismo, allarme alberghi a Roma: pochi turisti, 8000 lavoratori a rischio

© Foto : Fornita da Francesco LollobrigidaFrancesco Lollobrigida, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera.
Francesco Lollobrigida, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera. - Sputnik Italia, 1920, 13.01.2022
Seguici su
Federalberghi lancia l'allarme sull'intero settore ricettivo della Capitale. Una crisi, secondo i sindacati, potrebbe travolgere sino a 8.000 lavoratori.
Fratelli d'Italia solidarizza con i 47 lavoratori dell'hotel Majestic di Roma, licenziati una settimana fa via e-mail a causa delle crisi del settore dovuta alla pandemia di Covid-19.
"Sono stati mandati a casa padri e madri, troppe famiglie ora hanno di fronte un futuro incerto", lo affermano il il capogruppo di Fratelli d'Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida, e il responsabile nazionale dipartimento Turismo FDI, Gianluca Caramanna.
"La crisi della struttura di via Veneto, così come tante altre - sottolineano - è figlia delle scelte scellerate di un governo incapace di fronteggiare la pandemia e che ha adottato la politica delle chiusure per decreto".
Secondo Caramanna, le risorse spese per il reddito di cittadinanza andrebbero dirottate sul sostegno alle imprese del settore turistico.
"In un grave momento di crisi economica - l'esecutivo dovrebbe tutelare imprese e lavoratori e non continuare a finanziare l'inutile Reddito di cittadinanza. Mancano risposte serie e aiuti concreti per mettere in salvo tutto il mondo del turismo e in particolare il settore alberghiero, troppo spesso dimenticati. Fratelli d'Italia chiede ristori immediati, la proroga della cassa Covid, il ripristino del credito d'imposta per gli affitti per le strutture ricettive e l'esonero del pagamento Imu", concludono.

La crisi degli alberghi di Roma

La crisi del settore alberghiero sta travolgendo diverse città italiane, in particolare Roma. Oltre al Majestic, anche lo Sheraton Hotel & Conference Center di Roma ha annunciato il licenziamento di tutti i suoi dipendenti dopo quasi due anni di chiusura dovuta al Covid.
l presidente del Comitato Alberghi Storici di Federalberghi Roma, Carlo De Angelis, non esita a definire “critica” la situazione delle strutture ricettive della Capitale.

“Non ci sono clienti – afferma -, e oggi il rischio che molti hotel non ce la facciano a superare questa fase è molto alto".

Fino a dicembre erano circa 350 gli hotel chiusi sui 1280 presenti a Roma ma adesso il numero di chi decide di interrompere l'attività potrebbe aumentare, secondo Federalberghi.
“L’unica strada – sottolinea De Angelis – è quella di rinnovare immediatamente la cassa integrazione/Fis Covid scaduta lo scorso 31 dicembre, prevedere una moratoria sulla scadenza dei mutui, nuovi ristori e l’annullamento della rata Imu. Non possiamo permetterci di perdere strutture di pregio che in molti casi hanno alle spalle 60/70 anni di storia”.
Una crisi del settore ricettivo, secondo i sindacati, potrebbe travolgere sino a 8.000 lavoratori tra guide, tour operator e servizi legati al turismo.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала