Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scala dei Turchi: uno dei vandali è Domenico Quaranta, condannato per strage nel 2006

© Foto fornita da Mare Amico AgrigentoScala dei Turchi
Scala dei Turchi - Sputnik Italia, 1920, 13.01.2022
Seguici su
Per i carabinieri e la procura di Agrigento, è lui uno dei vandali che pochi giorni fa ha imbrattato la celebre scogliera di marna con polvere di ossido di ferro rossa. Fondamentali nella svolta delle indagini, le immagini della videosorveglianza e le perquisizioni domiciliari.
I carabinieri di Realmonte e della compagnia di Agrigento hanno identificato gli autori del raid alla Scala dei Turchi. Uno dei due vandali è Domenico Quaranta, un volto noto alle forze dell'ordine: nel 2006 è stato condannato in via definitiva per strage.
La notte dell'11 maggio 2002, Quaranta, che oggi ha 49 anni e si è convertito all'Islam, aveva piazzato e dato fuoco ad una bombola del gas nella stazione della metropolitana del Duomo di Milano. Pochi giorni prima aveva messo un'altra bomba sulla scalinata del Tempio della Concordia ad Agrigento.
Per l'attentato gli era stata inflitta una pena a 16 anni di carcere. Più recentemente, nel novembre 2020, si era reso autore di un'azione di danneggiamento ai danni della marna di Punta Bianca e aveva vandalizzato la casa di Luigi Pirandello. Per questi crimini erano state disposte nei suoi confronti misure preventive di allontanamento da Agrigento.
Scala dei Turchi - Sputnik Italia, 1920, 08.01.2022
Lo sfregio alla Scala dei Turchi: il monumento naturale imbrattato dai vandali - Foto
Il procuratore Luigi Patronaggio ha riferito che nella svolta alle indagini sono stati fondamentali le immagini acquisite dalle videocamere di sorveglianza e le perquisizioni domiciliari.
"I militari dell'Arma hanno "addotto le immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza dei luoghi e l'esito delle disposte perquisizioni domiciliari. Il materiale probatorio raccolto deve essere ora valutato dal pm procedente e successivamente dal giudice competente, fermo restante la presunzione di innocenza per entrambi gli indagati", ha dichiarato alla stampa, congratulandosi con l'Arma per il lavoro svolto.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала