Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid in Italia, Speranza: "Fase nuova e complessa dovuta ad Omicron"

© AFP 2021 / Filippo MonteforteRoberto Speranza, ministro della Salute
Roberto Speranza, ministro della Salute - Sputnik Italia, 1920, 12.01.2022
Seguici su
Il ministro della Salute ha riferito, durante il Question Time alla Camera, che ieri è stato toccato il record di 700 mila vaccinazioni. I non vaccinati restano il 10% della popolazione, ma occupano i due terzi dei posti letto in intensiva e il 50% in area medica.
Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha fatto il punto sulla situazione della pandemia di Covid in Italia, degli ospedali e sulla strategia adottata dal governo, durante il Question Time alla Camera. Inoltre ha annunciato che ieri è stato toccato il "record di vaccinazioni da inizio campagna, 700mila dosi".
"Siamo in una fase epidemica nuova e densa di molte complessità, dovute in primis all'impatto della variante Omicron che ha provocato la crescita dei casi a livello nazionale e mondiale", ha riferito Speranza.

Ospedalizzazioni

La situazione dei ricoveri in ospedale è monitorata con "grande attenzione" e rispetto alle precedenti ondate di contagi, grazie ai vaccini, emerge un'importante novità: all'aumentare dei casi non corrisponde una crescita dei ricoveri.
"Il rapporto casi e ospedalizzazioni è radicalmente cambiato in questa stagione grazie all'altissimo tasso di vaccinazione del Paese", precisa il ministro.
In Italia la prima dose è stata somministrata all'89,58% della platea a cui è offerto il vaccino anti-Covid. I ricoveri riguardano per lo più la minoranza di persone che ha rifiutato il vaccino. Sono loro, secondo i dati illustrati dal ministro durante il Question Time, a gravare maggiormente sulle strutture sanitarie.
"Basti ricordare che nell'ultima finestra dei dati dell'Iss emerge che i due terzi degli ingressi in terapia intensiva avvengono da parte di non vaccinati, il 50% che entra in area medica è non vaccinato. Il 10% di italiani che non è non vaccinato, ha quindi un impatto sulle nostre strutture ospedaliere", spiega Speranza.

Green Pass

Speranza ha poi riferito sui numeri dei Green Pass scaricati, ad oggi 194 milioni a "testimonianza di uno strumento che è ormai entrato nella consuetudine dei nostri concittadini".
Il tema caldo sono le criticità emerse nella sospensione del certificato verde in caso di positività al Covid-19 e riattivazione ad avvenuta guarigione.
"Abbiamo dovuto lavorare per costruire una modalità nostra, nazionale, di sospensione diversa del Green pass perché all'inizio la modalità europea prevedeva solo la sospensione in caso di falsificazione. Dopo alcune sollecitazioni, anche di natura parlamentare, con l'ultimo Dpcm del 17 dicembre abbiamo introdotto un meccanismo che a regime porterà a un doppio automatismo: di sospensione della validità del Green pass di fronte ad un caso di positività e al tempo stesso però uno stop di questa sospensione e riattivazione del certificato in caso di tampone negativo dopo la positività- ha spiegato - E' una procedura in corso, penso che dobbiamo lavorare perché questi problemi che ancora ci sono stati possano essere risolti. Il Governo continuerà a puntare sul Green Pass, c'è stata una estensione del suo utilizzo. La strategia del Governo è continuare a puntare sul certificato verde".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала