Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scienziati segnalano un riscaldamento record delle acque degli oceani

© Sputnik . Vladimir Astapkovich / Vai alla galleria fotograficaOceano
Oceano - Sputnik Italia, 1920, 11.01.2022
Seguici su
Le temperature superficiali degli oceani segnano nuovi record per il sesto anno consecutivo.
Ricercatori provenienti da Cina e Stati Uniti hanno pubblicato un rapporto sulle tendenze delle temperature della superficie degli oceani e sul loro impatto dagli anni '50. Nell'anno appena conclusosi è stato registrato un altro record di temperatura. L'articolo è stato pubblicato sulla rivista Advances in Atmospheric Sciences.
L'anno scorso è stato il primo del decennio delle scienze oceaniche, annunciato dalle Nazioni Unite, che mira a preservare la società umana e gli ecosistemi naturali, molti dei quali sono legati all'oceano. Il rapporto pubblicato, su cui hanno lavorato 23 ricercatori di 14 istituti, riassume due collezioni di dati internazionali: dell'Istituto di Fisica Atmosferica dell'Accademia Cinese delle Scienze (IAP CAS) e dei National Environmental Information Centers (NOAA) della National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti.

"Il calore nell'oceano sta crescendo costantemente in tutto il mondo ed è il principale indicatore del cambiamento climatico antropogenico", ha affermato il coautore dello studio Kevin Trenberth, del National Center for Atmospheric Research in Colorado, in un comunicato stampa a commento dei dati del 2021.

I ricercatori hanno scoperto che lo strato superficiale delle acque dell'oceano, fino a 2mila metri, ha assorbito 14 zettajoule in più, rispetto al 2020 nell'ultimo anno, 145 volte la produzione mondiale di elettricità nel 2020.
"Oltre al calore, l'oceano assorbe dal 20 al 30% delle emissioni di anidride carbonica antropogenica, il che porta all'acidificazione degli oceani. Tuttavia, il riscaldamento dell'oceano riduce la sua efficienza di assorbimento del carbonio e più anidride carbonica rimane nell'aria", afferma il ricercatore cinese Lijing Cheng.
Il monitoraggio e la comprensione della relazione tra calore e assorbimento del carbonio in futuro è importante per monitorare gli obiettivi di mitigazione del cambiamento climatico.
Il contenuto di calore dell'oceano è uno dei migliori indicatori del cambiamento climatico di origine antropogenica. Nonostante il fatto che la temperatura della superficie oceanica globale nel 2021 sia al livello record negli ultimi anni, non è la più alta mai registrata. Ciò è dovuto al fatto che la fase del El Niño attualmente osservata porta a un raffreddamento dell'Oceano Pacifico tropicale.
I risultati dello studio mostrano che il riscaldamento degli oceani è il risultato di cambiamenti nella composizione dell'atmosfera associati alle attività umane. E le conseguenze, secondo gli scienziati, saranno molto tangibili. Quando gli oceani si riscaldano, l'acqua si espande e il livello del mare si alza, masse calde e umide influenzano i fenomeni meteorologici, creando le premesse per forti tempeste e uragani, aumento delle precipitazioni e rischio di inondazioni.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала