Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Svezia, scandalo sicurezza: immigrata irregolare con precedenti assunta alla villa della premier

Magdalena Andersson
Magdalena Andersson - Sputnik Italia, 1920, 10.01.2022
Seguici su
Una donna nicaraguense sui 20 anni, con precedenti per furto e condannata all'espulsione, è stata autorizzata a pulire la villa privata della primo ministro svedese, poiché la polizia di sicurezza Säpo non ha eseguito i necessari controlli. L’episodio ha sollevato dubbi e polemiche sull’efficienza delle forze di sicurezza del Paese.
La primo ministro svedese Magdalena Andersson è finita agli imbarazzi della cronaca poiché un'immigrata illegale è stata assunta per pulire la sua villa. Ciò ha sollevato interrogativi sul livello di protezione degli alti funzionari nel paese scandinavo.
Nei giorni prima di Natale, la polizia è stata allertata presso l'abitazione della premier a Nacka, vicino Stoccolma, dove, secondo il quotidiano Expressen, era stato attivato per errore un allarme antifurto da parte di una donna delle pulizie. Sul posto, la polizia ha trovato e arrestato la donna che si è rivelata essere una ricercata perché immigrata clandestina e con precedenti per furto.
L'Agenzia svedese per la migrazione le aveva ingiunto l'espulsione nella primavera del 2020, ma era rimasta nel Paese illegalmente ed era ricercata dall'autunno, nonché era stata condannata per un furto nella catena di grandi magazzini Åhléns a Stoccolma nell'autunno dello stesso anno. Poiché all'epoca risultava tuttavia incensurata, le era stata concessa una sospensione della pena.
La polizia di sicurezza Säpo dovrebbe eseguire severi controlli sui precedenti di coloro che lavorano per i rappresentanti del governo centrale, tuttavia, quando il lavoro per una persona protetta viene svolto privatamente, questo tipo di controlli non vengono eseguiti, ha detto a Expressen un portavoce della Säpo.
L'esperto di sicurezza Dick Malmlund, ex agente di polizia e capo della sicurezza di lunga data presso Swedish Trade, si è espresso in maniera molto critica nei confronti dell’episodio, che ha definito un vero e proprio scandalo.
"È inconcepibile", ha detto Malmlund all'emittente nazionale SVT in merito all'incidente. Secondo questi, la Säpo dovrebbe essere responsabile della sicurezza del primo ministro 24 ore su 24.
"Se non è un incarico di Säpo, è uno scandalo e, se lo è, è ancora uno scandalo", ha detto Malmlund. "Non si può dire che fuori casa il controllo sulla vita di un primo ministro sia solido come una roccia, e poi permettiamo che chiunque gli possa entrare in casa”, ha detto Malmlund.
Successivamente, il capo della Säpo, Charlotte von Essen, ha affermato che verificherà se è emersa la necessità di una modifica delle regole.
La stessa premier Andersson ha assicurato di aver fatto "le cose ovvie come cliente" e di aver sempre pagato ai suoi dipendenti lo stipendio ufficiale. "Poi puoi sempre pensare che avresti potuto fare di più", ha detto la Andersson al quotidiano Göteborgs-Posten.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала