Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L'ipotesi dell'obbligo generalizzato: ecco tutte le tappe

© Karwai TangMario Draghi al COP26
Mario Draghi al COP26 - Sputnik Italia, 1920, 10.01.2022
Seguici su
Secondo il Corriere della Sera il governo punterebbe ad abbassare a 40 anni la soglia dell'età per cui è previsto l'obbligo vaccinale, per arrivare ad estenderlo successivamente a tutta la popolazione.
Abbassamento a 40 anni dell’età per cui è previsto l’obbligo vaccinale, estensione del super green pass, senza l’opzione del tampone per tutte le categorie di lavoratori, del pubblico e del privato, e infine, l’obbligo generalizzato.
È questo, secondo le indiscrezioni pubblicate dal Corriere della Sera, l’obiettivo del premier Mario Draghi, che oggi, alle 18, assieme ai ministri Roberto Speranza e Patrizio Bianchi, e al coordinatore del Cts Franco Locatelli, presenterà l’ultimo decreto approvato dal governo non senza difficoltà.
Il provvedimento, che ha introdotto di fatto l’obbligo vaccinale per tutti gli over 50, è stato approvato la scorsa settimana dopo un confronto durissimo prima in cabina di regia e poi in Consiglio dei ministri. Ad opporsi i sostenitori dell’obbligo vaccinale generalizzato, con i ministri del Pd e quello della Salute Roberto Speranza in primis, e la Lega, che ha posto il veto.
Ma secondo il quotidiano di via Solferino, il premier sarebbe determinato ad andare avanti sulla strada dell’estensione dell’obbligo, da raggiungere passo dopo passo.
La strategia è quella di arrivarci per gradi, come si è passati dal green pass base all’obbligo vaccinale per tutti coloro che hanno più di 50 anni.
Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi - Sputnik Italia, 1920, 08.01.2022
Obbligo vaccinale per gli over 50, lunedì la conferenza stampa di Draghi sul nuovo decreto
A partire dalla giornata di oggi, intanto, entreranno in vigore le nuove restrizioni per i no-vax. L’utilizzo del super green pass viene esteso ai mezzi di trasporto, al servizio al bancone nei bar, per accedere ai ristoranti, anche all’aperto, ad alberghi, centri benessere, piscine, centri sportivi, palestre, musei, stazioni sciistiche ed eventi, sia all’interno che all’esterno.
Il governo difenderà la validità dei provvedimenti adottati con i numeri dell’Istituto Superiore di Sanità, che dicono che dal 12 novembre al 12 dicembre i ricoveri in terapia intensiva per i vaccinati con tre dosi sono stati lo 0,9 su 100mila abitanti, e l’uno per i vaccinati da meno di quattro mesi. La cifra, invece, sale al 23,2 per i non immunizzati.
Ad oggi, in Italia, l’89,3 per cento degli over 12 ha ricevuto la prima dose e l’86,3 ha completato il ciclo vaccinale primario.
L’obiettivo dell’esecutivo è di ridurre il più possibile la percentuale di no-vax, rimasti ormai poco più del 10 per cento della popolazione.
Infermiera prepara un vaccino - Sputnik Italia, 1920, 09.01.2022
Obbligo vaccinale, multa anche a chi non fa la dose di richiamo
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала