Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Esercito statunitense: nel 2021 più suicidi che morti per Covid-19

© Foto : 1st Lt. Daniel JohnsonEsercito USA in Siria
Esercito USA in Siria - Sputnik Italia, 1920, 10.01.2022
Seguici su
Si sono verificati 580 suicidi tra i militari USA nel 2020, in aumento del 16% rispetto al 2019, quando ne sono stati accertati 498, dichiara il rapporto sul suicidio del Dipartimento della Difesa dello scorso settembre.
Nel terzo trimestre del 2021, un numero allarmante di militari del servizio americano si sono suicidati, in numero superiore rispetto al totale di coloro che sono morti per Covid-19 dall'inizio della pandemia, riferisce il Dipartimento della Difesa.
I dati rilasciati dal Pentagono, e citati da Fox News, rivelano che 163 membri del servizio militare si sono tolti la vita da luglio a settembre 2021, di cui 70 erano membri del servizio attivo, 56 membri della riserva e 37 erano membri della Guardia Nazionale.
I dati rivelano un calo dei suicidi tra i membri attivi dell'esercito, rispetto al secondo trimestre 2021, ma i suicidi sono aumentati tra i membri della riserva e della Guardia Nazionale.
Nel frattempo, a settembre, il numero totale di morti per coronavirus nell'esercito si è fermato a 43 casi, ha riferito il Pentagono. All'8 gennaio, il numero era cresciuto fino a raggiungere gli 86 morti, un dato in parte attribuito all'impennata dei casi provocata dalla diffusione della variante Delta nel periodo che va da settembre 2021 a gennaio 2022.
Guardando ai tre trimestri dell'anno scorso, un totale di 476 membri dell'esercito americano sono registrati come casi di suicidio. Nel 2020, i dati del Pentagono mostrano che 701 membri del servizio si sono suicidati.
Non è stato rilasciato alcun commento sulle cifre pubblicate dal dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.
La scorsa estate, è stata pubblicata una ricerca dal Cost of War Project, – una collaborazione tra la Brown University e la Boston University – secondo cui 30.177 militari americani attivi e veterani coinvolti nelle varie guerre post 11 settembre, sono morti per suicidio.
Un dato quattro volte maggiore rispetto ai 7.057 membri del servizio uccisi in combattimento durante lo stesso arco temporale.
"A meno che il governo e la società degli Stati Uniti non facciano cambiamenti significativi nei modi in cui gestiamo la crisi della salute mentale tra i nostri militari e veterani, i tassi di suicidio continueranno a salire... Questo è un costo di guerra che non possiamo accettare", ammonisce il rapporto.
Oltre al trauma mentale di essere stati in combattimento, Thomas Suitt, autore del documento per il progetto della Brown University ha detto, in un'intervista con NPR, che l'aumento dell'uso di dispositivi esplosivi improvvisati, o IED, ha alimentato un'atmosfera di paura tra i membri del servizio.
Altri fattori menzionati riguardano il "diminuito sostegno pubblico" per le guerre in corso, i casi di violenza sessuale tra i ranghi dell'esercito e il più facile accesso alle armi da fuoco.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала