Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Cosa c'entra il crollo di Bitcoin con le proteste in Kazakistan?

© Sputnik . Evgeny Biyatov / Vai alla galleria fotograficaBitcoin
Bitcoin - Sputnik Italia, 1920, 10.01.2022
Seguici su
Un'ondata di violente proteste in Kazakistan ha fatto crollare le principali criptovalute: così, l'8 gennaio, bitcoin è sceso di quasi il -12%, cifra record da fine settembre 2021. Qui spieghiamo le ragioni di questo fenomeno.
Il Kazakistan è il secondo paese al mondo dopo gli Stati Uniti per capacità di mining delle criptovalute e del bitcoin in particolare. Ospita il 18% del mining mondiale di criptovalute. Sulla scia dei disordini scoppiati il 2 gennaio, le autorità kazake hanno disconnesso il Paese da Internet, cosa che ha colpito direttamente il mining di criptovalute e il sistema bancario.
Tuttavia, gli economisti sono convinti che l'attività mineraria si riprenderà una volta che la situazione in Kazakistan tornerà alla normalità.
Un altro fattore che ha influenzato il corso delle criptovalute è stata la decisione del Federal Reserve Board di inasprire le sue politiche monetarie. Pertanto, il 6 gennaio è stato annunciato che l'autorità di regolamentazione prevede di aumentare il tasso di interesse e ridurre le proprie attività di riacquisto titoli.
Ciò ha comportato anche un deflusso di fondi dalle attività di rischio. Ad esempio, l'indice NASDAQ Composite è sceso del -4,5% in una sola settimana. Da parte loro, i prezzi di bitcoin e altre criptovalute sono scesi insieme alle azioni delle grandi società tecnologiche.
Gli economisti suggeriscono che il calo potrebbe durare qualche settimana in più. Per quanto riguarda i prezzi, è probabile che si stabilizzino nei prossimi mesi, mentre bitcoin potrebbe persino raggiungere il suo massimo storico entro la metà dell'anno. Prevedono alcuni analisti.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала