Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Violenza sulle donne, il modello Spagna che ha ridotto i femminicidi

© Sputnik . Leonardo ToloneseSpagna, Madrid
Spagna, Madrid - Sputnik Italia, 1920, 09.01.2022
Seguici su
Nel 2020, in Italia, le violenze tra le mura domestiche sono aumentate, a causa della stretta e obbligata convivenza in casa tra le donne e chi “diceva di amarle”.
La strage di donne, e anche dei loro figli, uccisi dai padri in un assurdo turbine di vendetta e punizione della donna, non si è fermata e nel corso del 2021 e prosegue anche in questo inizio di 2022, come le cronache ci raccontano.
La domanda è se non si possa fare qualcosa che inverta davvero la tendenza. E non solo decreti di allontanamento o daspi per gli stalker, che sono pezzi di carta e non impediscono il contatto fisico.
Il Fatto Quotidiano ha provato a investigare su come viene trattata l’emergenza in Spagna e ha verificato che già dal 2003 i casi di donne morte per violenze subite da un uomo erano dimezzati, rispetto al nostro paese.
Possiamo quindi parlare di un modello Spagna a cui potremmo rifarci, se solo il livello politico lo volesse?
In Spagna si parte dalle scuole, facendo lezioni sul femminismo, sulla violenza di genere e sulla prevenzione degli stereotipi discriminatori, spiega il quotidiano italiano. Si parte dall’educazione delle nuove generazioni di uomini, fornendo loro quelle conoscenze che spesso sono lacunose in famiglia e che danno vita a distorsioni che da grandi diventano mostruosi, trasformandoli in mostri che uccidono i loro stessi figli.
Madrid: manifestazione contro gli abusi sugli animali negli allevamenti e nei macelli - Sputnik Italia, 1920, 12.12.2021
Madrid: manifestazione contro gli abusi sugli animali negli allevamenti e nei macelli - Video
Nella vicina Spagna, racconta ancora Il Fatto Quotidiano, le donne vittime di femminicidio hanno a disposizione spazi dedicati dove presentare denuncia e non devono presentarsi in Caserma dai Carabinieri o in Commissariato, esponendosi alla vista di altri.
Le donne spagnole vittime di violenza hanno a disposizione unità forensi e mediche specializzate a loro dedicate. Ed hanno, in alcune regioni, anche degli sportelli con psicologi dedicati a loro.
Dove non sono presenti gli psicologi, ci sono gli assistenti sociali e anche gli avvocati sono messi a loro disposizione.
La tutela delle donne vittime di violenza è quindi concreta e presente in varie forme, che consentono davvero alla donna di esporsi e denunciare, di salvarsi la vita e di salvarla anche ai figli.

I tribunali speciali

Il Fatto Quotidiano fa notare che in Italia i giudici scontano una mancanza di preparazione, che considerano cronica sui casi di violenza sulle donne.
E i vari casi che si susseguono, con donne che denunciano e poi vengono comunque uccise, è emblematico di come stiano le cose in Italia.
In Spagna, invece, esistono tribunali speciali dedicati ai casi di violenza sulle donne. Quindi i magistrati sono specializzati nel trattare tali casi e sanno come applicare al meglio le leggi fornite dal legislatore iberico.
Nonna e bebé - Sputnik Italia, 1920, 09.01.2022
La nonna nell'evoluzione infantile, perché affidiamo i figli ai parenti più anziani?

Discriminazione di genere, un fattore culturale

Alla base del modello Spagna, c’è la piena presa di coscienza che la violenza di genere sulle donne sia frutto di un problema culturale.
Ecco perché si parte dalle scuole, dove si lavora per disinnescare in partenza qualsiasi condizione sociale e di difficoltà psicologica che potrebbe da grandi portare ad epiloghi drammatici.
Da gennaio di quest’anno, poi, la Spagna si è dotata anche di un sistema di contabilizzazione dei femminicidi, ed è il primo paese in Europa a farlo. Un fatto, questo, che la dice lunga su come il tema dei femminicidi sia distante dalle agende politiche, non solo in Italia.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала