Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L'allarme sulla peste suina africana: perché può essere un problema per l'Italia

© Ufficio stampa OIPA ItaliaGabbie cinghiali Tomba di Nerone Roma
Gabbie cinghiali Tomba di Nerone Roma - Sputnik Italia, 1920, 08.01.2022
Seguici su
L'allarme dei virologi sui casi di peste suina africana in Piemonte e Liguria: "Gli animali possono essere letteralmente travolti da questa patologia, con gravi conseguenze sul comparto”.
Dopo il caso del cinghiale morto ad Ovada, nell’Alessandrino, sarebbero altri due gli animali contagiati dalla peste suina africana. Si tratta sempre di ungulati, risultati positivi alla malattia infettiva emorragica a Fraconalto, sempre in provincia di Alessandria e a Isola del Cantone, in provincia di Genova.
La conferma della diagnosi la darà nei prossimi giorni il Cerep, il Centro di Referenza Nazionale per le pesti suine dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Umbria e Marche. Ma i dubbi sono davvero pochi.
E ora gli occhi sono puntati sul settore zootecnico, con gli allevamenti suini che rischiano di subire danni gravissimi.
Il virus, ha spiegato in un’intervista a Repubblica il responsabile della Diagnostica generale dell'Istituto Zooprofilattico Alessandro Dondo, è molto contagioso ed estremamente letale per gli animali.
Se per gli esseri umani non ci sono rischi, gli animali domestici e selvatici, spiega il veterinario, “possono essere letteralmente travolti da questa patologia, con gravi conseguenze sul comparto” e sulle esportazioni.
A lanciare l’allarme, ai microfoni della trasmissione In Onda, è stata anche la virologa Ilaria Capua. "Non è un problema di salute per le persone perché non contagia l'uomo ma solo cinghiali, maiali e affini ma così come abbiamo imparato dalla Omicron se c'è una malattia così grave dall'Italia non partono più suini e i prosciutti rischiano di rimanere fermi", ha avvertito l’esperta.
Per questo, insistono gli esperti, bisogna “agire in fretta” per circoscrivere il virus. Il contenimento, spiega infatti Dondo, è l’unica arma a disposizione delle autorità sanitarie, visto che non esistono cure né vaccini.
Cinghiale - Sputnik Italia, 1920, 23.08.2021
Palermo: casi di peste suina nei cinghiali di Monte Pellegrino, parte il piano per fermare il virus
Intanto, la Regione Piemonte ha vietato la caccia nei comuni interessati dalla diffusione della peste suina africana e ha varato una serie di misure per “rafforzare al massimo la sorveglianza nei confronti dei cinghiali e dei suini da allevamento” e “innalzare al livello massimo di allerta la vigilanza sulle misure di biosicurezza nel settore domestico, con particolare riguardo a tutte le operazioni di trasporto e di movimentazione degli animali, di mangimi, prodotti e persone”.
“L’intensificarsi dei casi di Peste suina africana in tutta Europa deve aumentare l’attenzione delle istituzioni ad ogni livello, anche Ue, per tutelare le produzioni zootecniche e l'economia delle nostre aziende, attivando decisioni urgenti che mettano in condizione le Regioni di poter operare su questa annosa criticità”, hanno commentato in una nota congiunta il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, e l’assessore all’Agricoltura, Marco Protopapa.
E il caso è arrivato anche all'attenzione della politica nazionale. "Occorrono contromisure concrete ed efficaci per contrastarne la contagiosità, attuare una seria politica di prevenzione per il contenimento dei cinghiali e prevedere sostegni economici immediati alla suinicoltura", è il commento di Lorenzo Viviani e Giorgio Maria Bergesio, capigruppo Lega nelle commissioni Agricoltura di Camera e Senato, che fanno appello anche ad una "corretta informazione" per "non generare allarmismi ingiustificati per i consumatori sulla sicurezza alimentare nel nostro Paese e sul consumo delle carni italiane che sono e restano un'eccellenza del nostro Made in Italy".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала