Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scuola, presidi su tutte le furie per il no al rinvio del rientro: "Manca personale"

CC0 / Wokandapix / ÉcoleScuola con banchi
Scuola con banchi - Sputnik Italia, 1920, 07.01.2022
Seguici su
L'Assopresidi della Toscana ha espresso preoccupazione per la carenza di personale, in vista della riapertura degli istituti scolastici dopo la pausa natalizia.
Il rinvio della ripresa delle lezioni avrebbe potuto permettere di reintegrare almeno una parte dell'organico dei docenti e ripartire con maggiori certezze, magari favorendo la vaccinazione tra gli alunni più giovani" nel periodo di Dad.
Ad affermarlo a Radio Toscana è Alessandro Artini, referente toscano dell'Associazione nazionale presidi, che ha commentato la riapertura degli istituti scolastici.
"Una parte dei docenti è in quarantena, un'altra parte è in isolamento e poi c'è una minima parte di sospesi dal lavoro perché non erano in regola con l'obbligo vaccinale. Il grosso problema per molti presidi è mettere in classe i docenti, per questa ragione molti di loro e la mia stessa associazione avevamo chiesto di procrastinare l'avvio delle lezioni, non tanto per la gravità della situazione epidemiologica, ma per le enormi difficoltà organizzative che ci troviamo ad affrontare", sono state le sue parole.
Il funzionamento della "macchina della scuola", ha poi chiarito Artini, è reso ancora più difficoltoso dalla mancanza di supplenti.
"Per quanto riguarda i docenti la possibilità di trovare supplenti è sempre più difficile perché fino a qualche tempo fa, per esempio, in Toscana venivano a lavorare molti professori del sud, ma attualmente vi sono delle regioni come la Sicilia che sono loro stesse sprovviste di supplenti", ha chiarito.
Studentessa in dad, didattica a distanza - Sputnik Italia, 1920, 07.01.2022
Costa ai presidi che chiedono la Dad: “Nessun rinvio, si parte con le nuove regole”
In un'intervista al Corriere della Sera, il sottosegretario alla Salute Andrea Costa ha risposto all’appello di oltre 1.500 dirigenti scolastici, ribadendo l’intenzione del Governo di garantire la scuola in presenza.
Sulla possibile carenza di personale tra contagi e obbligo vaccinale, il rappresentante del governo si è detto certo del fatto che l’allarme sarà ridimensionato.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала