Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Quattro Regioni passano in zona gialla: Abruzzo, Emilia Romagna, Toscana e Valle D’Aosta

© Sputnik . Ilya Pitalev / Vai alla galleria fotograficaPaziente in terapia intensiva
Paziente in terapia intensiva - Sputnik Italia, 1920, 07.01.2022
Seguici su
La Liguria si salva dall’arancione, secondo l’ordinanza di Speranza. L’incidenza settimanale sale a 1.669 casi ogni 100mila abitanti.
Da lunedì 10 gennaio altre quattro Regioni italiane passeranno in zona gialla. È quanto si legge nell’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza che stabilisce il cambio di fascia per Abruzzo, Emilia Romagna, Toscana e Valle D’Aosta.
Salva, almeno per ora, la Liguria che rischiava di passare in arancione. Restano in zona gialla anche la Calabria, il Friuli Venezia Giulia, il Lazio, la Lombardia, le Marche e le province autonome di Bolzano e Trento, il Piemonte, la Sicilia e il Veneto.
La media settimanale delle incidenze parla di 1.669 nuovi casi settimanali su 100mila abitanti.
L’ordinanza registra un’occupazione di posti letto in area medica al 21,6% e quella delle terapie intensive al 15,6%.

Si salvano dall’arancione Liguria, Lombardia e Marche

Secondo i dati contenuti nell’ordinanza, si salvano dal passaggio a una fascia di colore con misure più restrittive, l’arancione, tre Regioni.
La Liguria resta in giallo, perché le terapie intensive sono al 19,5% (contro una soglia del 20%) e l’occupazione di posti letto in area medica è del 34,2%, sopra il 30% che prevede la zona arancione.
La Lombardia segna un 15% di occupazione delle terapie intensive e il 34,2% delle aree mediche.
Le Marche hanno un dato più alto per quanto riguarda la terapia intensiva, che sfora il 20%, con il 23,9% ma rientra nei limiti per l’area medica.
Dati preoccupanti anche per i reparti di terapia intensiva di Trento, Piemonte e Veneto, rispettivamente 27,8%, 21,7%, e 18,7%.

Rt in salita

L’indice di trasmissibilità, Rt, è salito a 1,43 da 1,18 di una settimana fa.
I dati più alti per incidenza sono stati registrati in Toscana, 2.680 casi ogni 100mila abitanti, in Lombardia, 2.578,1 e Valle D’Aosta, 2.255,9.

Cosa cambia in zona gialla

Il passaggio dalla zona bianca alla gialla è previsto quando si superano il 15 % di pazienti affetti da Covid-19 sul totale dei pazienti e del 10% per quelli in terapia intensiva.
All'atto pratico la differenza tra zona bianca e gialla praticamente non sussiste, essendo stata introdotta l'obbligatorietà dell'uso delle mascherine di sicurezza anche all'aperto per decreto.
Dal 10 gennaio, inoltre, in base alle misure decise dal governo centrale si dovrà avere il Super Green pass per i mezzi pubblici e per i mezzi a lunga percorrenza. Come per consumare al ristorante e al bar.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала