Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Kazakistan, Blinken telefona al ministro degli Esteri: "gli USA a favore di una soluzione pacifica"

© SputnikIl segretario di Stato Antony Blinken
Il segretario di Stato Antony Blinken - Sputnik Italia, 1920, 06.01.2022
Seguici su
Il Segretario di Stato americano Anthony Blinken in una conversazione telefonica con il ministro degli Esteri kazako Mukhtar Tileuberdi ha espresso il supporto alle "istituzioni costituzionali e libertà dei media" in Kazakistan e ha invitato ad una soluzione pacifica della crisi, ha comunicato il Dipartimento di Stato.
"Il Segretario di Stato Antony J. Blinken ha parlato oggi con il ministro degli Esteri kazako Mukhtar Tileuberdi riguardo lo stato di emergenza in corso in Kazakistan.
Il Segretario di Stato ha ribadito il pieno sostegno degli Stati Uniti alle istituzioni costituzionali e libertà dei media, si è espresso a favore di una soluzione pacifica della crisi nel rispetto dei diritti umani", si legge nel comunicato del dicastero.

Situazione in Kazakistan

Le proteste di massa hanno scosso il Kazakistan nei primi giorni del 2022, con i cittadini di Zhanaozen e Aktau a Mangistau, una regione produttrice di petrolio nell'ovest del paese, che hanno organizzato delle proteste non autorizzate per opporsi a un doppio aumento dei prezzi del gas naturale liquefatto (GNL). Una commissione governativa formata poco dopo si è detta pronta a tagliare i prezzi, ma le proteste si sono estese ad altre città.
Ad Almaty, l'ex capitale della repubblica, il 4 e il 5 gennaio si sono verificati scontri con le forze di sicurezza, la polizia ha usato gas e granate assordanti.
In tutto il Kazakistan Internet è stato spento e la trasmissione di numerosi canali tv è stata temporaneamente interrotta. In Kazakistan è stato introdotto lo stato di emergenza.
© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaAlmaty: attivisti armati fermati dalle forze speciali nel centro di Almaty
Almaty: attivisti armati fermati dalle forze speciali nel centro di Almaty - Sputnik Italia, 1920, 06.01.2022
Almaty: attivisti armati fermati dalle forze speciali nel centro di Almaty
La mattina del 5 gennaio, il presidente kazako Kassym-Zhomart Tokayev ha sciolto il governo e ha assunto il carico del presidente del Consiglio di sicurezza della repubblica, dimettendo il primo capo di Kazakistan dopo la dissoluzione dell'URSS, Nursultan Nazarbayev.
Nella notte del 6 gennaio, Tokayev ha tenuto la prima riunione del Consiglio di sicurezza, essendone a capo, durante la quale ha definito la situazione in Kazakistan "un attentato all'integrità dello stato" e ha affermato di aver chiesto assistenza all'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO) "per superare la minaccia terroristica".
Nella stessa notte, il Consiglio di sicurezza collettivo della CSTO ha deciso di inviare forze congiunte di peace keeping in Kazakistan a seguito dell'appello di Tokayev. Le truppe, come riferito in precedenza, saranno inviate per un periodo di tempo limitato con l'obiettivo di contribuire alla stabilizzazione della situazione nel Paese.
Disordini in Kazakistan - Sputnik Italia, 1920, 06.01.2022
Kazakistan, la situazione resta tesa: forze CSTO nel paese, ad Almaty liberata la piazza centrale
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала