Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, Napoli rischia codice nero: medici chiedono "interventi drastici" al governo

© REUTERS / Emilie Madi I medici lavorano in terapia intensiva
I medici lavorano in terapia intensiva - Sputnik Italia, 1920, 06.01.2022
Seguici su
I medici lanciano l'allarme sulla situazione degli ospedali: mai così grave, si rischia di perdere il controllo. Chiedono interventi immediati per evitare di dover decidere chi curare e chi no.
L'enorme capacità infettiva di Omicron sta mettendo in ginocchio pronto soccorsi e ospedali di Napoli e provincia per l'elevato numero di accessi, che il sistema sanitario presto non sarà più in grado di gestire. I medici campani lanciano l'allarme sulla situazione che rischia di finire fuori controllo, obbligando i rianimatori a decidere chi ammettere in intensiva e chi no.
"La situazione è critica, molto peggiore di quanto possa apparire, abbiamo bisogno di aiuto e ne abbiamo bisogno ora. Roma decida per una misura drastica", fa sapere Bruno Zuccarelli, presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli.
Le sue parole giungono al termine di un confronto approfondito con i colleghi da cui emerge la situazione drammatica che si sta vivendo nelle corsie delle principali strutture ospedaliere di Napoli e provincia.
"Né all’indomani del primo lockdown, né nel corso della seconda e terza ondata - sottolinea il leader dei camici bianchi - la nostra situazione è stata tanto grave, e ora rischiamo di perderne il controllo. Il dilagare della variante Omicron ha messo in ginocchio ospedali, ambulatori studi medici e rete dell’emergenza, e ciò che emerge oggi è solo la punta dell’iceberg. Entro una settimana o due al massimo, se non si interviene adesso, rischiamo di vedere a Napoli ciò che purtroppo abbiamo visto in Lombardia due anni fa".
Asl e Aziende Ospedaliere hanno già avviato la riconversione dei reparti e le direzioni sanitarie hanno provveduto a revocare ferie e permessi dei medici.
"Una misura di estrema gravità che dovrebbe far comprendere quanto sia drammatico lo scenario", commenta Zuccarelli, chiedendo a nome dei medici campani soluzioni drastiche.
"Ciò che si decide oggi - osserva - avrà effetto a distanza di 10 o 15 giorni. Se vogliamo evitare il peggio è bene che si intervenga subito. Vi prego, non metteteci in condizione di dover applicare il codice nero", conclude.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала