Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Che cos'è la CSTO e perché le sue forze di peace keeping intervengono in Kazakistan

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaMilitari CSTO
Militari CSTO - Sputnik Italia, 1920, 06.01.2022
Seguici su
Nella mattinata odierna la CSTO ha annunciato l'invio di un contingente di peace keeping in Kazakistan.
L'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO) ha deciso giovedì di inviare le sue forze di peace keeping in Kazakistan in seguito alle proteste ed alla deriva di violenza in cui si trova da alcuni giorni il paese dell'Asia centrale.
Dal 6 di gennaio diverse unità della CSTO sono operative in Kazakistan con compiti di sorveglianza di obiettivi strategici dopo la richiesta formalizzata nella serata del 5 gennaio dal presidente kazazo Tokayev.
Ma andiamo dunque a ripercorrere brevemente la storia della CSTO ed analizzare i compiti del contingente internazionale inviato in Kazakistan.

Che cosa prevede il Trattato CSTO

Formata tra il 1992 e il 2002, l'Organizzazione del Trattato per la sicurezza collettiva comprende i seguenti paesi dell'area post-sovietica: Russia, Bielorussia, Armenia, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan.
Tutti gli stati partecipanti hanno concordato di astenersi dall'uso o dalla minaccia della forza
L'aggressione contro uno degli stati membri è considerata un'aggressione contro tutti gli altri.
La presidenza dell'organizzazione è assegnata ad uno dei paesi membri a rotazione
Attualmente il ruolo di il capo del Consiglio di sicurezza collettiva della CSTO è ricoperto dal primo ministro armeno Nikol Pashinyan, che ha annunciato in prima persona la decisione di inviare forze di pace della CSTO.

Le forze di peace keeping e i loro compiti

Come riferito dall'alleanza sul suo sito web, le forze della CSTO sono un insieme di contingenti incaricati di partecipare ad operazioni di peace-keeping.
Essi sono formati da personale militare e non appositamente addestrato, insieme alle forze e ai mezzi forniti dagli Stati membri.
Il numero totale di unità della CSTO è di circa 3.600 persone.

"I compiti principali (del contingente, ndr) saranno la protezione di importanti strutture statali e militari e l'assistenza alle forze dell'ordine del Kazakistan per stabilizzare la situazione e riportarla nell'ambito del quadro giuridico", ha affermato la CSTO nell'annunciare il dispiegamento della propria forza in Kazakistan.

Tra i compiti che possono essere svolti nell'ambito delle operazioni di mantenimento della pace vi sono:
il monitoraggio dei cessate il fuoco e degli accordi di cessate il fuoco
la separazione delle parti in conflitto
la creazione di condizioni per i negoziati
il contrasto a disordini di massa
la salvaguardia del rispetto dei diritti umani
la protezione e la difesa delle strutture vitali
la garanzia dell'effettivo approvvigionamento degli aiuti umanitari
Il vicepresidente del Consiglio della Federazione russo Konstantin Kosachev ha sottolineato che la CSTO si concentrerà innanzitutto sulla garanzia della sicurezza e sulla protezione delle infrastrutture militari e civili, mentre spetterà alle forze dell'ordine kazake garantire l'ordine nel Paese.
Stati membri della CSTO sull'operazione di mantenimento della pace
Le forze di peace keeping inviate in Kazakistan sono costituite da militari russi e di altri Stati membri del CSTO: in particolare circa 70 soldati armeni, incaricati di proteggere importanti infrastrutture militari, ed anche soldati bielorussi e tagichi.
Almaty - Sputnik Italia, 1920, 06.01.2022
Kazakistan: 13 agenti morti, due di loro decapitati nel corso delle proteste a Almaty
Il ministro della Difesa del Kirghizistan, Baktybek Bekbolotov, ha affermato che il suo Paese sta valutando l'invio di unità di dispiegamento rapido-

Il dispiegamento delle forze di pace della CSTO è possibile solo quando viene raggiunto un accordo tra tutti gli Stati membri.
La richiesta di intervento al CSTO da parte del Kazakistan è stata inviata nella giornata di ieri, dopo che il presidente Kassym-Jomart Tokayev ha riunito il Consiglio di Sicurezza, con la motivazione che le proteste e l'ondata di violenze seguente rappresentano una "minaccia all'integrità dello stato" kazako con il rischio di infiltrazioni di gruppi estremisti formati all'estero.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала