Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Kazakistan, il presidente Tokayev scioglie il governo in seguito alle proteste per il caro gas

© Sputnik . Alexei Druzhinin / Vai alla galleria fotograficaPresidente del Kazakistan Kassim Tokayev
Presidente del Kazakistan Kassim Tokayev - Sputnik Italia, 1920, 05.01.2022
Seguici su
Il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev ha firmato un decreto per lo scioglimento del governo, dopo l'ondata di proteste non autorizzate per l'aumento del costo del gas che ha travolto la nazione.
Il documento prevede le dimissioni, con effetto immediato, di tutti i membri del governo ma impone agli stessi di continuare ad adempiere ai propri doveri fino alla formazione del nuovo esecutivo.
Il vice primo ministro Alikhan Smailov è stato nominato primo ministro ad interim, mentre Krymbek Kusherbayev è stato rimosso dal suo incarico di segretario di stato, con Murat Nurtleu che è stato scelto per servire come primo vice capo del Comitato per la sicurezza nazionale.
Dal 25 febbraio 2019, il governo del Kazakistan era stato guidato da Askar Mamin.
Il drastico cambio di rotta è arrivato ​​poche ore dopo che Tokayev ha dichiarato lo stato d'emergenza e ha attuato il coprifuoco ad Almaty e nella provincia di Mangystau, dopo le proteste di massa non autorizzate contro l'aumento dei prezzi del gas. Lo stato d'emergenza dovrebbe rimanere in vigore fino al 19 gennaio.

Il presidente kazako ha dichiarato che il governo è "da biasimare in modo particolare" per aver permesso lo scoppio delle manifestazioni per l'aumento dei prezzi del gas.

Nonostante il coprifuoco, le proteste sono continuate anche negli ultimi tre giorni, con diversi video che hanno ripreso gli scontri tra manifestanti e funzionari delle forze dell'ordine.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала