Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Cremlino: "Il Kazakistan affronti i problemi da solo. No ad interferenze dall'esterno"

© Sputnik . Sergey Guneev / Vai alla galleria fotograficaDmitry Peskov, portavoce del presidente russo
Dmitry Peskov, portavoce del presidente russo - Sputnik Italia, 1920, 05.01.2022
Seguici su
Il portavoce della presidenza russa ha espresso la posizione di Mosca in relazione alle proteste non autorizzate, in corso in queste ore, nel vicino Kazakistan.
Il Kazakistan non si è rivolto alla Russia per chiedere aiuto a causa dei disordini in un certo numero di grandi città e il Cremlino si oppone alle interferenze esterne e crede che le autorità del paese affronteranno da sole i problemi interni.
Ad affermarlo è stato Dmitry Peskov, addetto stampa del presidente russo, in relazione alle proteste non autorizzate in corso in Kazakhstan.

Il funzionario ha quindi risposto negativamente quando gli è stato chiesto se il Kazakistan avesse richiesto assistenza alla Russia.

Nel corso della mattinata, in Kazakistan sono stati presi d'assalto gli edifici dell'amministrazione comunale di Almaty e di Aktobe, oltre alla vecchia residenza presidenziale, situata nella stessa Almaty.

Gli scontri verificatisi tra i manifestanti e la polizia hanno prodotto il ferimento di almeno 95 agenti delle forze dell'ordine, oltre che di almeno cinque operatori sanitari, intervenuti sul posto per prestare soccorso ai feriti.

Le proteste in Kazakistan

Nei primi giorni del 2022, i residenti delle città di Zhanaozen e Aktau, situati nella regione di Mangistau, hanno protestato contro un aumento di due volte dei prezzi del gas.
Il presidente del Kazakistan, Kassym-Zhomart Tokayev, ha incaricato di formare una commissione governativa per esaminare la situazione. Il 4 gennaio ha annunciato di essere pronto a soddisfare la principale richiesta dei manifestanti e a ridurre i prezzi del gas.
Tuttavia, le proteste si sono estese anche ad altre città: ad Almaty, la più grande città del Paese, la sera del 4 gennaio e la notte del 5 gennaio i manifestanti si sono scontrati con le forze di sicurezza; la polizia è stata costretta ad impiegare gas lacrimogeni e granate stordenti.
Il presidente ha introdotto lo stato d'emergenza nelle regioni di Mangistau e Almaty, nonché ad Almaty, fino al 19 gennaio. Il decreto presidenziale prevede il coprifuoco dalle 7:00 alle 23:00, il divieto di manifestazioni e scioperi di massa, il divieto di vendita di armi, munizioni e alcolici, la confisca di armi e munizioni alle persone e una maggiore sicurezza delle strutture particolarmente importanti.
L'ingresso e l'uscita da queste regioni e da Almaty sono limitati, sono prescritti controlli dei documenti, ispezioni di persone e veicoli. La mattina del 5 gennaio, Tokayev ha poi disposto lo scioglimento del governo, ritenuto particolarmente colpevole per la situazione in corso.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала