Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scenario Covid, 2 milioni di positivi in Italia con variante Omicron fuori controllo

© Sputnik . Pavel Bednyakov / Vai alla galleria fotograficaLa basilica di San Pietro in Vaticano
La basilica di San Pietro in Vaticano - Sputnik Italia, 1920, 03.01.2022
Seguici su
Si preparano gli scenari apocalittici ai piani alti e si studia cosa potrebbe accadere in Italia con 2 milioni di casi Covid-19 dovuti alla variante Omicron.
Anzitutto, va detto che nonostante le oltre 100mila persone positive al giorno, soltanto 1.100 vengono ricoverati in area medica e solo 120 finiscono in terapia intensiva. Questo a riprova che i vaccini funzionano e funzionano anche in caso di coinfezione.
“Con questo tasso di crescita dei casi però rischiamo comunque di intasare gli ospedali perché si può arrivare a 2 milioni di positivi”, ha riferito il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, intervenendo su Radio Cusano Campus, come riportato dall’Adnkronos.

Una buona e una cattiva notizia

Cartabellotta, durante l’intervista, ha affermato che “la situazione dei numeri non ci incoraggia particolarmente, ma ci sono anche buone notizie. Abbiamo una quantità enorme di casi, mai vista, tanto che molti hanno definito la Omicron come il virus più contagioso della storia. I numeri che stiamo vedendo la dicono chiaro in questo senso: abbiamo in media mobile circa 100mila casi al giorno”. Questa è la cattiva notizia.
Per quanto riguarda la buona notizia “è che al crescere dei nuovi casi non corrisponde un parallelo incremento dei ricoveri”.
Ovviamente, crescono anche i numeri dei ricoveri, ha aggiunto Cartabellotta, “ma le percentuali rispetto al totale dei positivi si riducono progressivamente”.
Come mai si verifica questa riduzione nella letalità di Omicron e, in generale, del coronavirus con tutte le sue varianti? Cartabellotta ha dettoche ciò “è dovuto all’aumento delle dosi booster e ci auguriamo anche alla minore virulenza della variante Omicron”.

Scuole aperte o scuole chiuse

“La scuola rappresenta un bacino di contagi”, ha affermato, senza giri di parole, Cartabellotta.
“È chiaro che non avendo lavorato sugli aspetti strutturali, possiamo modificare quanto vogliamo le modalità di screening e quarantena, ma con questa circolazione virale così alta bisogna fare delle valutazioni. Se decidiamo di tenere aperte le scuole, bisognerà chiudere qualcos’altro perché non abbiamo tanti margini per far circolare il virus”, ha concluso il presidente della Fondazione Gimbe.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала