Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Lavoro in Italia: persiste il divario salariale tra uomini e donne, giovani e over 55

© Foto : Marco Minna - © Agenzia NovaPrima picconata simbolica al tratto di tangenziale sopraelevata che verrà abbattuto
Prima picconata simbolica al tratto di tangenziale sopraelevata che verrà abbattuto - Sputnik Italia, 1920, 03.01.2022
Seguici su
Come vengono pagati i dipendenti privati e com’è andata per loro nell’anno del lockdown (2020)? Se lo è domandato Il Fatto Quotidiano, che ha elaborato gli open data dell’Inps, scoprendo che i divari di sempre persistono nel mondo del lavoro italiano.
In media, i giovani lavorano con contratti precari o discontinui e nel 2020 hanno lavorato 30 settimane, contro le 40 settimane della fascia di età sopra ai 55 anni, si apprende. Inoltre, i primi hanno guadagnato il 135% in meno dei secondi. Normale, si dirà, perché con il passare dell’età vi sono gli scatti di anzianità, ma è solo questa la motivazione che crea il divario salariale tra le giovani generazioni e i più adulti?
Le tipologie di contratto sottoscritte alle nuove generazioni offrono una risposta alla domanda: precariato.
Un giovane di 20 anni nel 2020 ha guadagnato 9.300 euro lordi l’anno, un dipendente privato tra i 25 e i 29 anni ha guadagnato nell’anno del lockdown 14.400 euro lordi, mentre un 55enne 27.900 euro.
Se si guarda poi alla differenza tra uomini e donne, i primi hanno guadagnato mediamente 7mila euro l’anno in più.

Redditi più poveri

Altro dato rilevante che l’elaborazione dei dati fa notare è il calo del reddito medio dei lavoratori regolari in Italia (compresi autonomi, professionisti iscritti alla gestione separata e partite iva). Si è passati da 23.114 euro a 21.720 euro, e sono redditi al lordo delle tasse e degli imponibili previdenziali.
I dipendenti pubblici, mantengono un tenore di vita medio decisamente più alto, con 33.173 euro di reddito, ma erano 33.660 euro prima della pandemia.
I dipendenti privati passano da 22.790 a 21.500 euro di reddito. Gli amministratori di società sono rimasti sopra la media dei 48mila euro.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала