Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La nuova febbre dell'oro, perché aumenta la domanda di questo metallo?

© Sputnik . Pavel Lisitsin / Vai alla galleria fotograficaLingotti d'oro
Lingotti d'oro - Sputnik Italia, 1920, 03.01.2022
Seguici su
Approfondimento
Dopo un'impennata record del valore dell'oro nel 2020 sulla scia della pandemia, questo metallo ha registrato un momento difficile quest'anno. Ma non solo la domanda di oro non è diminuita, è anzi aumentata sostanzialmente.
Le banche centrali del mondo hanno aumentato le riserve come non mai negli ultimi 31 anni. E anche i consumatori al dettaglio hanno acquistato attivamente oro fisico sotto forma di lingotti, monete e gioielli. Come si spiega questa domanda insolitamente elevata di oro?
Il 2021 è stato un anno difficile per l'oro, perché dopo il massimo storico del 2020 sopra i 2.000 dollari per oncia è crollato sotto i 1.700 dollari.
Quest'anno l’oro non se l’è passata bene: il dollaro si è rafforzato e i tassi di interesse sono aumentati. Di solito, in questo contesto, l’oro perde valore, come infatti è accaduto.
Tuttavia, è degno di nota il fatto che l'oro è stato sostenuto anche dai consumatori, che hanno continuato a comprarlo a buon ritmo. Questo ha mantenuto basso il prezzo del metallo prezioso. Ricordiamo che la domanda d'oro è aumentata nel 2020 a causa dell'emissione di banconote nell'UE e negli Stati Uniti, con l’obiettivo di aumentare gli aiuti alle economie nazionali. Questo ha generato sfiducia nelle principali valute, in particolare nel dollaro. In questo contesto l'anno scorso l'oro ha raggiunto un livello record di 2.067 dollari per oncia e si sono riusciti a generare buoni profitti dalla vendita di questo metallo. Sembrava che sarebbe arrivata una nuova epoca fiorente per l’oro.
Lingotti d'oro - Sputnik Italia, 1920, 02.01.2022
Le banche centrali di tutto il mondo aumentano l'oro nelle loro riserve e riducono il dollaro
Tuttavia, dopo quel picco, il prezzo si è stabilizzato a 1.750-1.850 dollari per oncia. Ciò è dovuto al fatto che la vaccinazione, la ripresa dell'economia mondiale dopo la crisi pandemica e i generosi incentivi economici hanno incrementato l'attrattività dei beni tradizionali, sostengono gli esperti. Tuttavia, gli investitori hanno approfittato del calo delle quotazioni del metallo prezioso per aumentare le loro riserve.
Così, le banche centrali di tutto il mondo hanno aumentato le riserve d'oro a un livello record negli ultimi 31 anni, con una riserva accumulata complessiva di 36.000 tonnellate. Questi sono i dati riportati dal World Gold Council (WGC). Nel terzo trimestre, il più grande acquirente d'oro è stata la Reserve Bank of India, che ha aumentato il volume delle riserve d'oro nel Paese di 41 tonnellate, raggiungendo le 745 tonnellate. L'aumento di quest'anno della riserva d'oro dell'India sarà probabilmente il più grande dal 2009, sostengono gli esperti. Anche il Brasile (+9 tonnellate), l'Uzbekistan (+26 tonnellate), il Kazakistan (+7 tonnellate) e la Russia (+6 tonnellate) hanno incrementato le loro riserve d'oro nel terzo trimestre. "La domanda delle banche centrali per i 10 mesi del 2021 ha già superato la cifra dell'intero anno 2020", sostengono gli esperti.
La caratteristica unica di quest'anno è che non solo i paesi in via di sviluppo stanno accumulando oro per eventuali momenti futuri difficili, ma sono anche i paesi sviluppati a farlo, cosa che non accadeva da molto tempo. Infatti, le banche centrali di due paesi sviluppati, Irlanda e Singapore, hanno acquistato oro.
"L'Irlanda ha acquistato una tonnellata a settembre e una a ottobre. L'acquisto di settembre è stato il primo dal 2008, quando la riserva d'oro era aumentata di mezza tonnellata. La Banca centrale di Singapore ha acquistato 26 tonnellate d'oro tra maggio e giugno. È stato il primo acquisto d'oro per le riserve del Paese dal 2000", sostengono gli esperti.
Gioielli - Sputnik Italia, 1920, 18.12.2021
Sotto l'albero tornano i gioielli: il comparto della gioielleria in crescita nel 2021
I consumatori al dettaglio non sono rimasti indietro rispetto alle banche centrali del mondo e hanno comprato anche loro una quantità record di lingotti e monete. La domanda globale di lingotti e monete ha raggiunto le 262 tonnellate nel terzo trimestre, con un aumento del 18% rispetto all'anno precedente. Un totale di 857 tonnellate di oro fisico da investimento è stato venduto alla fine del terzo trimestre: la transazione in oro più consistente dal 2013. Anche le vendite di monete d’oro da investimento sono state elevate quest’anno. Durante i primi tre trimestri del 2021, è stata raggiunta quota 223,7 tonnellate, con un aumento di 9 tonnellate su base annua.
La domanda di gioielli è aumentata nei principali paesi consumatori, India e Cina. I gioielli rappresentano circa il 40-50% della domanda globale d'oro.
"Nel 2021, la domanda aggregata di gioielli dell'India potrebbe superare le 400 tonnellate e quella della Cina le 500 tonnellate, il che sarebbe una buona notizia per il tasso di cambio dell'oro nel 2022. La cifra della domanda globale di gioielli sarà vicina ai livelli pre-pandemici entro la fine di quest'anno", sostengono gli esperti.
I consumatori occidentali, seguendo l’esempio dell’Asia, stanno mostrando interesse verso l'oro fisico. In Europa, i tedeschi sono tradizionalmente i maggiori acquirenti di monete e lingotti in metalli preziosi, probabilmente perché serbano il ricordo dell'iperinflazione degli anni '20.
Nella prima metà del 2021 i tedeschi hanno comprato un volume record di oro fisico, come non si vedeva almeno dal 2009. La domanda del metallo prezioso nel Paese è aumentata del 35% rispetto alla seconda metà del 2020, una cifra nettamente superiore a quella globale di più 20%. La ragione è il maggior tasso d'inflazione degli ultimi 10 anni, nonché l’abbandono delle restrizioni pandemiche.
Lingotto d'oro - Sputnik Italia, 1920, 28.09.2021
Investire in oro non è sempre una buona idea: ecco perché
Inoltre, complici i tassi d'interesse nominali e reali negativi, aumenta l'attrattiva dell'oro. Anche consumatori di altri paesi occidentali hanno comprato attivamente oro. Grazie a questa elevata domanda d’oro, i prezzi si mantengono al livello attuale e non scendono.
Le Zecche di stato stanno cercando di soddisfare l'aumento della domanda, creando una vasta gamma di prodotti per tutti i gusti. Per esempio, la Zecca degli Stati Uniti ha venduto 126.000 once di monete d'oro American Eagle a novembre, il 48,2% in più rispetto all'anno precedente. Dall'inizio dell'anno, sono già state vendute 1,2 milioni di once di American Eagle, il 51,2% in più rispetto ai primi 11 mesi dell'anno scorso.
Anche la Russia ha emesso la sua prima moneta d'oro, il San Giorgio Vittorioso, del peso di un'oncia. Tale peso è molto importante, perché corrisponde all'oncia Troy, che è lo standard internazionale. Questo ha consentito di esportare monete d'oro russe, tra le altre cose, e non solo lingotti.
Da un punto di vista pratico, investire in gioielli non è redditizio. Dunque, comprare lingotti o monete è un investimento molto più sensato.
"L'oro è un modo conservativo di investire. Nella mente degli investitori è un rifugio sicuro, un bene che cresce quando tutto il resto cade. L'oro dovrebbe essere visto come una certa parte di un portafoglio conservativo, da rifornire indipendentemente dalle quotazioni. Una quota nel portafoglio del 10-15% sembra abbastanza sufficiente", sostiene Grigory Sosnovsky, direttore regionale di BCS World Investments.
Lingotti d'oro - Sputnik Italia, 1920, 03.09.2021
Russia, riserve in oro e valuta estera da record dopo l'erogazione di 17,5 miliardi $ dal Fmi
Tuttavia, il modo migliore e più efficiente per investire in oro è quello di acquistare un fondo (ETF) le cui quotazioni sono legate al valore dell'oro fisico. "I vantaggi sono il legame diretto con il prezzo dell'oro, la facilità di acquisto e di vendita, l'assenza di costi inutili e di rischi associati alla necessità di conservare l'oro. Quando compri dei lingotti, per esempio, devi pagare l'IVA che è al 20%. I lingotti devono essere conservati con cura, perché anche un piccolo graffio ne riduce significativamente il valore. Lo svantaggio dell’ETF è che non c'è il possesso fisico del metallo", spiega Sosnovsky.
Un'altra opzione per investire in oro è un conto metalli non allocato. "Tra gli svantaggi c’è il fatto che questi conti non sono inclusi nel sistema di assicurazione dei depositi, il prezzo di acquisto e vendita dei metalli è abbastanza diverso, è una perdita diretta per il cliente e inoltre non c'è il possesso fisico dell'oro. Sul lato positivo c'è solo un'ampia disponibilità: ossia, si può comprare da un grammo d'oro", spiega l’esperto.
La crescente domanda di oro fisico (lingotti, monete e gioielli) da parte della popolazione di tutto il mondo sta aumentando, a causa dell'aumento dei tassi di inflazione e dell'abbassamento del tasso di cambio dell'oro, insieme alla riduzione delle restrizioni pandemiche e al miglioramento del benessere della popolazione.
"Quindi, è in aumento la domanda di oro fisico da parte del grande pubblico, delle banche centrali e degli investitori. Questo mantiene a un livello sufficientemente elevato il tasso di cambio di questo metallo prezioso. In stagflazione l'oro finirà per attirare l'attenzione degli investitori istituzionali, dato che l'allentamento degli incentivi economici e l'elevata inflazione colpiranno duramente gli attivi finanziari tradizionali. L'oro si troverà ancora una volta sotto i riflettori dei grandi fondi d'investimento e delle banche. "L'atteso inasprimento della politica monetaria operato da parte della Fed, della Banca Centrale Europea e di altre istituzioni è già incluso per la maggior parte nella quotazione attuale del metallo prezioso, quindi il tasso non risentirà molto delle decisioni effettive che saranno adottate in questo settore per tutto il 2022", sostengono gli esperti.
Oro e dollari - Sputnik Italia, 1920, 26.05.2021
Prezzo dell'oro di nuovo in salita, toccato oggi il massimo da gennaio
"Il "momento della verità" per l'oro arriverà in un futuro molto prossimo. In uno scenario ottimista, la correzione delle quotazioni dell'oro finirà e il metallo raggiungerà ancora una volta un massimo storico, continuando a salire. L'obiettivo potenziale è 2.630-2.650 dollari per oncia nei prossimi due o tre anni. Ciò significa un aumento di circa il 50% dai livelli dell'inizio di dicembre dell'anno in corso intorno ai 1.775 dollari l'oncia. Questo scenario è considerato dagli analisti come quello più probabile. Lo scenario pessimistico presuppone un calo del prezzo a 1.600 dollari per oncia Troy. In questo caso la correzione sarà prolungata e, probabilmente, sarà ancora più profonda in seguito, gli esperti non lo escludono.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала