Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Sindacato, infermieri presi a morsi e aggrediti negli ospedali romani dov’è caos contagi Covid

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaUn'infermiera esce da un'ambulanza
Un'infermiera esce da un'ambulanza - Sputnik Italia, 1920, 02.01.2022
Seguici su
Dita staccate a morsi, pugni al petto, arti fratturati. No, non è una battaglia ma sarebbero i reparti Covid-19 di alcuni ospedali romani e le vittime sarebbero gli infermieri che devono occuparsi della cura dei no-vax affetti da Covid-19.
Questo quanto denuncia il sindacato Nursing Up, attraverso il suo segretario Antonio De Palma.

“Il San Giovanni Addolorata e il Policlinico di Tor Vergata si sono trasformati in veri e propri ring nei giorni di festa, presi d’assalto da malati e pazienti decisamente ‘fuori controllo’. Il bollettino di guerra è da brividi, si fa fatica solo a immaginare che tutto questo possa accadere in luoghi ‘sacri’, dove l’impegno comune dovrebbe essere, come non mai in questo delicato frangente, quello di agevolare i professionisti della sanità nel fronteggiare la crescita esponenziale dei ricoveri, con il primo obiettivo di tutelare la salute dei cittadini”, afferma De Palma, citato da Agenzia Nova.

Il sindacalista denuncia che al San Giovanni di Dio “un paziente ha addirittura strappato una falange a morsi” ad una infermiera, mentre “un operatore sanitario a Tor Vergata è stato ripetutamente colpito con pugni al torace fino a cadere a terra e fratturarsi un arto, riportando due settimane di prognosi: questi sono i fatti che ci riferiscono i nostri referenti locali, veri e propri episodi ai confini della realtà”.
Il sindacalista promette battaglia in tribunale, dove come sindacato hanno intenzione di trascinare pazienti e strutture sanitarie che non garantiscono la sicurezza degli infermieri:
“Ora basta, questi incivili sono degni di stare nelle patrie galere, e le aziende sanitarie che non tutelano la sicurezza dei propri infermieri ne risponderanno in Tribunale. Siamo pronti a costituirci parte civile a fianco dei colleghi vessati”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала