Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Record di persone scomparse nel 2021: oltre 17mila denunce

© Sputnik . Evgeny UtkinPolizia in una strada di Milano
Polizia in una strada di Milano - Sputnik Italia, 1920, 02.01.2022
Seguici su
Boom di denunce per sparizioni nel 2021. Per il commissario straordinario per le persone scomparse è diventato un "fenomeno fisiologico da contrastare”.
Nel giro di tre anni in Italia si sono perse le tracce di quasi 17mila persone. Per la precisione, sono 16.992 gli scomparsi dal 2019. Un numero impressionante, quello che arriva dalla banca dati della Direzione centrale della Polizia criminale del ministero dell’Interno, pubblicato dal Mattino di Napoli. L’equivalente della popolazione di una cittadina.
Le denunce presentate dal 2019 al 2021 sono state 44.327, con un vero e proprio boom nel 2021, quando se ne sono contate 17.650. Di queste 27.335 si sono risolte con un ritrovamento. Nella restante parte dei casi, invece, si sono perse le tracce.
La maggior parte sono bambini. I minorenni sono il 58 per cento delle persone scomparse in Italia a partire dal 1974.
Secondo la relazione del Commissariato straordinario per le persone scomparse, la motivazione principale dietro l’81 per cento dei casi è “l’allontanamento volontario”. Il 46,88 per cento di quelli che spariscono “volontariamente” vengono ritrovati. Sugli altri resta il giallo.
Poi ci sono i casi di allontanamento per “disturbi psicologici” e le “possibili vittime di reato”, 40 in totale, di cui 16 ancora disperse. Tra loro c’è anche Saman Abbas, la giovane pakistana sparita nel nulla dall’aprile scorso dopo aver rifiutato il matrimonio con un connazionale imposto dalla famiglia.
La “geografia” delle segnalazioni non è omogenea. La maggior parte delle sparizioni è avvenuta in Sicilia. Seguono la Lombardia, il Friuli Venezia Giulia e la Campania.
Tantissimi sono anche i minori scomparsi tra la popolazione migrante. In Sicilia, ad esempio, ad oggi risultano dispersi 2331 giovani immigrati.
Ormai, secondo il prefetto Silvana Riccio, commissario straordinario per le persone scomparse, non si tratta più di vicende fuori dall’ordinario ma di eventi che sono diventati quasi all’ordine del giorno.
“Nel corso degli anni – dice al Mattino - si è passati dalla necessità di studiare e gestire una emergenza, anche sull’onda emotiva suscitata da casi mediaticamente famosi, alla consapevolezza di trovarsi di fronte a un fenomeno fisiologico da contrastare”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала