Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Insulti ad alta quota. Mai così tanti litigi in aereo come nel 2020-2021

© Iraqi AirwaysUn aereo della compagnia Iraqi Airways
Un aereo della compagnia Iraqi Airways - Sputnik Italia, 1920, 01.01.2022
Seguici su
La pandemia ci ha resi più litigiosi? A giudicare dagli insulti ad alta quota, sugli aerei italiani sicuramente qualcosa in negativo è cambiato.
Secondo i dati dell’Enac, l’Ente nazionale per l’aviazione civile elaborati dal Corriere della Sera, nel solo 2020 i litigi a bordo degli aerei italiani sono saliti del +34% e questo in un periodo in cui la pandemia aveva ridotto drasticamente il numero dei voli aerei e ampliato a dismisura la distanza tra i passeggeri a bordo.
Se poi si consultano i dati del 2015, la tendenza degli insulti ad alta quota schizza del +320%. Insomma, sugli aerei italiani al tempo della pandemia gli italiani si sono mostrati più indisciplinati e litigiosi.
Proprio il 2020 segna un vero record con il tasso di litigiosità salito oltre lo 0,6, mentre nel 2021 (periodo gennaio – novembre) il tasso si è fermato poco sopra lo 0,5. Tuttavia è da segnalare che nel 2019 il tasso di litigiosità aveva toccato lo 0,5, mentre nel 2018 era sotto lo 0,3. Indice che al di là della pandemia, sugli aerei italiani vola meno educazione di prima.
Ma il tasso di litigiosità non è volato oltre le nuvole solo a bordo degli aerei, anche negli aeroporti le situazioni critiche sono aumentate considerevolmente. In particolare presso i check-in e i gate, dove i passeggeri si sono presentati senza la necessaria documentazione sanitaria per poter salire a bordo dei velivoli o pretendendo di salire nonostante fossero positivi al coronavirus.
Scene che un comico saprebbe bene interpretare per intrattenere il pubblico, ma che in realtà sono una fotografia plastica di cosa la pandemia ha prodotto in negativo nei comportamenti sociali delle persone.
Il corriere spiega anche che solo un caso su cinque viene effettivamente segnalato alle autorità competenti, data la burocrazia che si cela dietro la segnalazione di casi problematici a bordo degli aerei.

Gli screzi

Salire a bordo di un aereo è diventato stressante per via dei documenti sanitari da preparare, i tamponi da effettuare non oltre le 24 ore o le 48 ore prima a seconda delle disposizioni del momento. E così si accumula tensione che si scarica a bordo dell’aereo, magari anche per una richiesta di riportare la mascherina sopra al naso testimoniano gli assistenti di volo al quotidiano italiano.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала