Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Inflazione, crisi energetica e delle materie prime: le incognite economiche per il 2022

© Sputnik . Vitaliy Belousov / Vai alla galleria fotograficaFabbrica dei motori a reazione per caccia militari di Ufa - Baschiria
Fabbrica dei motori a reazione per caccia militari di Ufa - Baschiria - Sputnik Italia, 1920, 01.01.2022
Seguici su
L'aumento del prezzo delle materie prime e dell'energia gettano ombre sulla ripresa. Ma l'Italia entro la metà dell'anno nuovo dovrebbe tornare ai livelli pre-Covid.
Crisi delle materie prime, difficoltà logistiche, aumento del costo dell’energia, carenza di manodopera, e ancora le tensioni geopolitiche e la transizione verde. Sono solo alcune delle sfide che attendono l’economia globale nel 2022.
Il Fondo monetario internazionale prevede che la crescita del Pil mondiale scenderà di un punto percentuale il prossimo anno: dal +5,9 del 2021 al +4,9. Pur con i dovuti distinguo. Secondo l’istituzione finanziaria, infatti, il 2022 sarà l’anno in cui nelle economie avanzate le attività torneranno ai livelli pre-pandemia, mentre i Paesi in via di sviluppo dovranno aspettare il 2024.

In Italia, dopo l’aumento del 6,2 per cento del Pil nel 2021, è prevista una crescita del +4 per cento per il nuovo anno. Entro la metà del 2022, quindi, come si legge in un approfondimento dell’agenzia Agi, il nostro Paese dovrebbe recuperare il quadro pre-Covid.

A gettare ombre sulla ripresa, però, sono una serie di variabili. Dalle difficoltà nelle catene di approvvigionamento, responsabili della crescita del prezzo delle materie prime e, di conseguenza, del rialzo dell’inflazione, all’impennata dei prezzi dei combustibili fossili, che hanno fatto segnare un +40 per cento per il petrolio e un aumento di sei volte per il gas.
Il risultato è che il nuovo anno nel nostro Paese potrebbe coincidere con un aumento del 2,8 per cento del costo della vita.
La crisi delle materie prime pesa sul settore manifatturiero, in particolare per le imprese che dipendono da rame, alluminio e nickel. La fiammata del costo dell’energia, invece, dovrebbe migliorare entro la fine del 2022. Ma sullo sfondo della partita energetica ci sono le tensioni geopolitiche tra Russia e Unione europea e tra Usa e Cina, che rischia di provocare ulteriori problemi alle catene di approvvigionamento.
Anche la transizione verde rischia di frenare la crescita dei Paesi che sono ancora dipendenti in gran parte dai combustibili fossili.
Sul fronte monetario la Bce ha annunciato che, nonostante il programma di acquisti per la pandemia finirà entro marzo, è “molto probabile” che il costo del denaro non aumenterà nel 2022.

Il debito e il patto di stabilità

Restano i problemi legati al debito pubblico. Quello globale nel 2020 ha raggiunto la soglia record di 226mila miliardi di dollari, con aumenti significativi soprattutto nelle economie avanzate. Il rapporto debito Pil, qui, è schizzato al 124 per cento.
Per avere un termine di confronto, nel 2007 si attestava attorno al 70 per cento. Secondo il Fmi questo “amplificherà le vulnerabilità, specialmente se le condizioni di finanziamento dovessero restringersi".
Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, incontra il Presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron - Sputnik Italia, 1920, 18.12.2021
Il pressing di Draghi e Macron su Scholz per la riforma del patto di stabilità
In questo quadro i leader europei discutono della revisione del patto di stabilità. In un recente intervento sul Financial Times, il premier italiano Mario Draghi e quello francese, Emmanuel Macron, si sono fatti portavoce di tutti coloro che in Europa sostengono che le regole del trattato, e in particolare quella del rispetto del 3 per cento del rapporto tra deficit e Pil, debbano essere cambiate ed adattate alla nuova situazione economica e politica.
La richiesta di diversi Paesi dell’Unione è quella di garantire maggiore flessibilità per sostenere la ripresa.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала