Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Di nuovo libero il ceceno che pestò a morte Niccolò Ciatti. E Cartabia chiama la famiglia

 Niccolò Ciatti  - Sputnik Italia, 1920, 01.01.2022
Seguici su
La scarcerazione decisa dai giudici per una questione formale. Il padre: "Non so darmi spiegazioni".
È stato scarcerato da Rebibbia lo scorso 22 dicembre Rassoul Bissoultanov, uno dei due ceceni che secondo l’accusa avrebbero ucciso in un locale di Lloret de Mar, in Spagna, il 22enne fiorentino Niccolò Ciatti.
Dopo appena tre mesi di reclusione, come spiega Repubblica, l’uomo è stato liberato perché non si trovava nel nostro Paese quando è stata emessa la misura cautelare. I legali di Bissoultanov avevano presentato ricorso. E l’istanza è stata accolta dai giudici della Corte d'Assise.
La famiglia del giovane si sente beffata. "Non so darmi spiegazioni”, aveva detto il papà di Niccolò a Repubblica. “Se davvero è stato scarcerato senza alcun tipo di obbligo, non lo rivedremo mai più", ha commentato.
Giovedì, come si legge su La Nazione, ha ricevuto la telefonata della ministra della giustizia Marta Cartabia, che ha espresso “vicinanza” ai familiari, assicurando loro “che farà quanto è nelle sue possibilità, coinvolgendo anche il ministro dell’Interno, per verificare cosa possa essere accaduto”.
L’intervento del ministro è stato apprezzato, ma resta la rabbia dei familiari per l’ennesima scarcerazione, oltretutto per una mera questione procedurale.
A protestare è anche il deputato fiorentino di Italia Viva, Gabriele Toccafondi. “Non sono un giurista o un avvocato – ha detto, citato da La Nazione - ma riesco a comprendere che quanto sta accadendo è un’anomalia, rappresenta un problema per il regolare svolgimento del processo ma soprattutto non è giusto”.
Secondo lo stesso quotidiano, il pm Erminio Amelio starebbe valutando l’emissione di una nuova misura cautelare.
Ma, per la famiglia, ormai sarà quasi impossibile che Bissoultanov possa comparire in una nostra aula di tribunale, visto che avrebbe lasciato l’Italia subito dopo la notifica del provvedimento.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала