Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La NATO sta trasformando l'Ucraina in una "testa di ponte" contro la Russia - Lavrov a Sputnik

© Sputnik . Стрингер / Vai alla galleria fotograficaSoldati della NATO nel corso delle esercitazioni Rapid Trident in Ucraina
Soldati della NATO nel corso delle esercitazioni Rapid Trident in Ucraina - Sputnik Italia, 1920, 31.12.2021
Seguici su
Il ministro degli Esteri russo ha criticato l'alleanza per aver sostenuto le aspirazioni militaristiche di Kiev e ha sottolineato che ci sarà una "risposta adeguata" a qualsiasi possibile provocazione militare portata avanti dall'Ucraina.
Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha detto a Sputnik che la NATO sta cercando di usare Kiev come strumento contro la Russia.

Gli stati membri della NATO stanno sistematicamente trasformando l'Ucraina in una "testa di ponte" contro la Russia, costruendovi le loro basi, usando il suo territorio per condurre esercitazioni. Se quest'anno ci sono state sette di queste manovre, nel prossimo anno, secondo una legge adottata dalla Verkhovna Rada [il parlamento] dell'Ucraina, sono previste 10 [esercitazioni], il che significa un [esercizio]delle stesse per tutto l'anno", ha detto Lavrov a Sputnik.

Ha osservato anche che il numero di truppe che partecipano alle esercitazioni in Ucraina raddoppierà nel 2022 e raggiungerà le 64.000 unità.
Il ministro ha anche affermato che il governo ucraino non ha intenzione di porre fine a un conflitto militare con le autoproclamate repubbliche che affligge il Paese dal 2014.
"La guerra civile, che dura da 8 anni in Ucraina, è tutt'altro che finita. Le autorità del Paese non prenderanno provvedimenti per risolvere il conflitto in Donbass sulla base incontrastata del pacchetto di misure di Minsk", ha riferito Lavrov.
Secondo il ministro le autorità ucraine considerano il sostegno della Nato "come carta bianca per un'operazione militare".
Il ministro ha aggiunto che ci sarà una "risposta adeguata" a eventuali provocazioni militari da parte di Kiev.
Le tensioni tra Mosca e Kiev in precedenza hanno portato a resoconti dei media che affermavano che la Russia stesse pianificando di "invadere" l'Ucraina, cosa che il Cremlino ha definito come "allarmismo".
La Russia ha sottolineato di avere il diritto di trasferire le proprie truppe all'interno del proprio territorio, mentre l'attività militare della NATO vicino ai confini del Paese rappresenta una minaccia per la sicurezza del Paese.
Putin e Biden - Sputnik Italia, 1920, 31.12.2021
Chiamata Putin-Biden: secondo il Cremlino servono accordi vincolanti sulla sicurezza
Allo stesso tempo, Mosca ha avanzato proposte di garanzia di sicurezza, nel tentativo di fermare il deterioramento dei rapporti tra le parti in campo. Il 17 dicembre la Russia ha pubblicato un progetto di accordi, che include garanzie di sicurezza reciproche in Europa, il non dispiegamento di missili a corto e medio raggio alla portata dei rispettivi territori e la non espansione della NATO ad est.
Si prevede che le proposte saranno discusse durante i colloqui Russia-USA a Ginevra in programma il 10 gennaio, e durante il Consiglio Russia-NATO il 12 gennaio.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала