Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

I dati del 118: “I casi gravi sono i non vaccinati tra i 35 e i 60 anni”

© Sputnik . Maksim Blinov / Vai alla galleria fotograficaUn'ambulanza nel centro di quarantena, ospedale Covid a Mosca
Un'ambulanza nel centro di quarantena, ospedale Covid a Mosca - Sputnik Italia, 1920, 29.12.2021
Seguici su
Chiamano l’ambulanza soltanto quando hanno sintomi conclamati e non riescono a respirare. Il presidente Balzanelli: “Il virus non risparmia nessuno. Oltre naso e bocca, attenzione anche agli occhi”.
La fotografia di coloro che chiamano l’ambulanza perché malati gravi di Covid-19 è stata scattata dal 118 nazionale, che ha presentato alcuni dei dati rilevati nelle ultime settimane, con la comparsa della variante Omicron: sono non vaccinati, tra i 35 e i 60 anni e chiamano i soccorsi soltanto quando hanno febbre alta, tosse forte e difficoltà respiratorie.
Secondo il 118 nazionale, il rapporto tra pazienti vaccinati e non vaccinati con sintomatologia clinica grave nelle ultime settimane è ripartito: 85% di non vaccinati e 15% di vaccinati.
“Evitano l’ospedale e restano a casa fino a quando non riescono a respirare”, spiegano dal 118.
Il trasporto d’emergenza in ospedale è stato registrato in particolare per i pazienti tra i 70 e i 75 anni, in particolare se con patologie respiratorie o cardiovascolari croniche precedenti.

Il presidente Balzanelli: “Attenti al contagio oculare”

“Il numero giornaliero elevato e crescente di decessi da Covid, oltre che di malattia grave, deve imporre estrema cautela nel liquidare la variante Omicron come un brutto raffreddore”, ha detto il presidente del 118 nazionale Mario Balzanelli, commentando i dati.
“Si pone un problema di sicurezza nazionale perché il virus non risparmia nessuna fascia di età, il vaccino è una risorsa salvavita ma non rende immuni”.
Non bisogna abbassare la guardia, perché “la variante Omicron, dati alla mano, è ovunque” e questo può portare ad altre varianti.
Per Balzanelli è un’ottima notizia l’obbligo delle mascherine Ffp2 negli ambienti chiusi e “riteniamo assolutamente indispensabile proteggere con semplici occhiali anche gli occhi, perché il contagio per via oculare avviene anche indossando noi stessi la mascherina”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала