Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scuola, i presidi: "Obbligo di tampone per gli esenti"

© Sputnik . Danilo Garcia di Meo / Vai alla galleria fotograficaSanificazione di un'aula scolastica
Sanificazione di un'aula scolastica - Sputnik Italia, 1920, 28.12.2021
Seguici su
I presidi chiedono i tamponi obbligatori per i lavoratori della scuola esonerati dal vaccino e un piano generale di screening per far fronte alla crescita esponenziale dei contagi da Covid-19.

"Andrebbe introdotto l'obbligo di tampone per il personale scolastico esente, cioè esonerato dalla vaccinazione anti-covid. I contagi crescono esponenzialmente, le scuole vanno messe in sicurezza attraverso l'attuazione di un piano generale di screening, che garantisca un monitoraggio continuo della salute della popolazione scolastica, intesa come studenti e personale, esenti inclusi".

Lo ha detto ad Adnkronos il presidente dell'Associazione nazionale presidi Antonello Giannelli.
Il decreto dell'11 agosto esonera dall'obbligo di green pass gli esenti dal vaccino, che dunque non sono costretti a presentarsi sul luogo di lavoro con un tampone negativo. La legge 172 del 26 novembre sull'obbligo vaccinale per il personale scolastico non introduce novità sugli esenti.
"Potrebbe farlo in sede di conversione, che va fatta entro 60 giorni, introducendo per loro l'obbligo di tamponi", sottolinea Giannelli.
Non esistono dei dati certi sul numero esatto dei lavoratori della scuola esonerati dal vaccino.
"C'è comunque una stima grossolana, che parla di 10mila lavoratori del mondo della scuola in tutta Italia", che in media equivale ad un esonerato per istituto, spiega Giannelli.
"Visto il galoppo dei contagi - osserva - andrebbe proposto l'obbligo di tampone anche a loro che al momento in base alla normativa vigente sono messi in sicurezza attraverso la dotazione di dispositivi aggiuntivi, come le visiere".
In alternativa, potrebbero essere assegnati a "mansioni diverse e non a contatto con il pubblico", suggerisce.
In una nota diffusa ieri, il numero uno dei présidi ha suggerito di introdurre l'obbligo per i ragazzi di mascherine Ffp2, già utilizzate sui mezzi pubblici, per fronteggiare il picco di contagi fra i banchi di scuola.
"In passato il Cts ne aveva sconsigliato l'uso generalizzato ma le peculiarità della nuova variante Omicron potrebbero modificare tale valutazione", ha specificato.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала