Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Germania, oltre metà dei tedeschi calcola tuttora i prezzi in marchi - sondaggio

© Fotolia / WaechterUn marco tedesco e un euro
Un marco tedesco e un euro - Sputnik Italia, 1920, 28.12.2021
Seguici su
Più della metà dei tedeschi (il 54% degli intervistati), a 20 anni dall'avvento dell'euro, calcola ancora i prezzi in marchi, se si tratta di grandi acquisti. Lo si apprende dai dati del sondaggio effettuato dall'istituto Forsa per i canali televisivi RTL/n-tv.
Il marco tedesco ha cessato di esistere, come valuta indipendente in Germania, il 1° gennaio 1999, in seguito al passaggio all'euro, ma monete e banconote sono rimaste a corso legale fino al 1° gennaio 2002. Poi è stato possibile cambiarli secondo il tasso della Bundesbank. La maggior parte degli istituti commerciali e di credito, avendo assunto ulteriori obblighi, continuando ad accettare il marco tedesco per i pagamenti fino al 28 febbraio 2002.

Secondo il sondaggio condotto tra il 17 e il 20 dicembre, con 1.005 cittadini tedeschi intervistati (il margine di errore peri a circa il 3%), un terzo dei tedeschi (33%) vorrebbe tornare alla moneta nazionale tedesca, il 32% degli intervistati ha affermato di conservare banconote e monete in marchi.

Tra i sostenitori del partito di destra, Alternativa per la Germania, l'80% degli intervistati vorrebbe recuperare il marco.
Quasi due terzi degli intervistati (69%) hanno affermato che il prezzo di vita in Germania è aumentato dopo il passaggio all'euro. Questa opinione è particolarmente diffusa tra i residenti della Germania orientale (82%), così come tra i cittadini tedeschi ultrasessantenni (81%) e tra i sostenitori di Alternativa per la Germania (92%).
A novembre, l'inflazione in Germania ha raggiunto il massimo in quasi 30 anni, i prezzi per i consumatori, in particolare dell'energia elettrica, sono aumentati di oltre il 5%, rispetto all'anno scorso. I cittadini tedeschi intervistati ritengono che questi prezzi rimarranno (46%) o aumenteranno ulteriormente (45%). Solo l'8% degli intervistati ha espresso l'opinione che i prezzi diminuiranno.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала