Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Egitto, mummia del faraone Amenofi I ‘sbendata’ grazie alla scansione digitale dopo 3.500 anni

© AP Photo / Mahmoud KhaledUn sarcofago
Un sarcofago - Sputnik Italia, 1920, 28.12.2021
Seguici su
La mummia del faraone Amenofi I, che governò l'Egitto dal 1525 al 1504 a.C., è una delle rarissime rimaste bendate e lasciate inviolate dai predatori prima e dagli archeologi poi. Al fine di analizzarla, ma al tempo stesso continuare a preservarla integra, gli scienziati egiziani hanno proceduto a scannerizzarla con una tomografia computerizzata.
Amenhotep I, meglio conosciuto come Amenofi I, governò l'Egitto dal 1525 al 1504 a.C. circa, in un'era conosciuta come il Nuovo Regno.
La sua mummia venne rinvenuta nel 1881 da un egittologo francese in una tomba nascondiglio di Deir el-Bahari, dove venne fatta trasportare, durante il regno di Sheshonq I, dai sacerdoti di Amon, per salvarla dalle predazioni ormai endemiche nella Valle dei Re. Il cartonnage che la proteggeva, cioè quella speciale tecnica per realizzare le maschere funerarie sovrapponendo strati di lino o di papiro, stuccati e dipinti con intonaco, era di tale fattura, valore artistico ed eccellente conservazione, che la mummia di Amenofi è l'unica a non essere mai stata sbendata, né dai sacerdoti della XXI dinastia, che ebbero cura di restaurare i bendaggi delle antiche mummie reali, né dagli studiosi successivamente.
Il 3 aprile 2021 questa mummia è stata traslata con la famosa Parata d'oro dei faraoni dal vecchio Museo Egizio al nuovo Museo nazionale della Civiltà egiziana ed ora gli studiosi hanno voluto conoscere meglio questo prezioso reperto, senza tuttavia rovinarne la peculiarità: la sua millenaria integrità.
La mummia di Amenhotep I era stata esaminata utilizzando semplici scansioni a raggi X in passato, ma solo la moderna TAC eseguita da Sahar Saleem e Zahi Hawass dell'Università del Cairo, in Egitto, ha potuto rivelare nuovi dettagli: ora sappiamo che Amenofi aveva circa 35 anni quando è morto e che era alto esattamente 168,5 centimetri.
Gli abbondanti gioielli rivelati dalla scansione rivelano, per altro, che i sacerdoti furono particolarmente rispettosi del faraone e non trafugarono alcun elemento del corredo funebre durante la sua prima traslazione per metterlo al riparo dai razziatori di tombe.
"Le mummie reali del Nuovo Regno sono i corpi antichi meglio conservati mai trovati, quindi queste mummie sono considerate una capsula del tempo", ha affermato il professor Saleem, tutt’ora impegnato insieme ai colleghi nella lettura delle scansioni: “Possono raccontarci come apparivano gli antichi re e regine, la loro salute, le antiche malattie, tecniche di mummificazione e metodi di produzione di oggetti funerari”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала