Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Stretta sui contanti, dal 1° gennaio il tetto scende a 1000 euro

© Sputnik . Vladimir Trefilov / Vai alla galleria fotograficaBanconote euro
Banconote euro - Sputnik Italia, 1920, 27.12.2021
Seguici su
Dal primo gennaio 2022 il tetto massimo per i pagamenti in contanti si riduce a 1.000 euro dagli attuali 2.000. Il limite si applicherà a tutti i tipi di pagamento, sia tre persone fisiche che giuridiche. Sono previste sanzioni per chi supera la soglia anche di un centesimo.
La stretta sul contante è prevista dal decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2020 del governo Conte bis, che fissava un decalage a due tappe.
La prima, disposta dal luglio 2020 ha ridotto la soglia da 3.000 a 2.000 euro. La seconda, che scatterà con l'anno nuovo, ripristinerà il tetto dei 1.000 euro fissato nel lontano 2011 dal decreto Salva Italia e poi cambiato dal 2016. E' la nona modifica nell'arco di 20 anni e la quinta negli ultimi dieci.

Il pressing di Fratelli d'Italia

In Parlamento il pressing per modificare la norma portato avanti da Fratelli d'Italia durante l'esame della Legge di Bilancio ha trovato il muro dei partiti dell'alleanza di governo. Lega e Forza Italia non hanno potuto fare asse per supportare gli alleati. Salvini e Berlusconi, in un colloquio hanno rinnovato l'impegno ad innalzare il limite di spesa, ma il testo della manovra è già blindato.

Tracciate anche le donazioni ai figli

L'obiettivo del provvedimento è quello di rafforzare la lotta al nero e la strategia cashless limitando l'utilizzo del contante per tutte le tipologie di pagamento.
Questo significa che anche i passaggi di denaro tra familiari, ad esempio la donazione o il prestito ad un figlio dal valore di 1.000 euro, dovrà essere giustificata e tracciata.
In quest'ottica sono previste sanzioni per chi non accetta i pagamenti con il Pos, forme di pagamento che dal 1° gennaio 2023 da negozianti e professionisti.

Prelievi e versamenti sul proprio conto corrente

Nulla cambia per versare o prelevare contanti dal proprio conto corrente. Il limite resta a 1.500 euro, in quanto non si tratta di trasferimenti di denaro fra due soggetti, ma di movimenti che interessano una sola persona.
In caso di prelievo, però, non sarà possibile spendere la somma in un unico pagamento, ma dovrà essere utilizzata entro la soglia stabilita. In caso di versamento, le somme ricevute da differenti movimentazioni, potranno essere versate tutte in una volta entro il limite di 1.500 euro.
Non costituisce una violazione alle nuove regole sull'uso del contante pagare in parte con il tracciabile e in parte con banconote.

Sanzioni

Le sanzioni per i trasgressori non colpiscono solo chi paga, ma anche chi riceve il denaro in contante. Con l'abbassamento del tetto massimo, si riduce anche la sanzione, che passa da 2.000 a 1.000 euro.
Per i professionisti, o chi non segnala le irregolarità alle direzioni territoriali, la sanzione prevista è di un minimo di 3.000 euro a un massimo di 15.000 euro.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала