Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, Ricciardi: "A gennaio oltre i 100 mila contagi al giorno, restrizioni solo per No vax"

Walter Ricciardi - Sputnik Italia, 1920, 27.12.2021
Seguici su
Il consulente del ministero della Salute prevede la quarta dose, ma non prima di maggio o giugno. Necessario adesso accelerare con le terze dosi per affrontare la nuova ondata, superiore per casi.
I contagi da Covid-19 hanno avuto "un'impennata impetuosa", ma il picco deve ancora arrivare. In un'intervista al Messaggero, il professor Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute e docente di Igiene all'Università Cattolica di Milano, prevede un mese di gennaio con 100 mila casi giornalieri. Le restrizioni però, assicura, saranno destinate solo a chi non ha il vaccino.
"A gennaio andremo oltre i 100mila contagi al giorno. Non credo tornerà il lockdown totale però: le regioni diventeranno arancioni, con le note che conoscono. Ci saranno restrizioni solo per i No vax, perché a pesare sui sistemi sanitari saranno loro", ha dichiarato.

Terza dose e richiamo

Adesso "bisogna accelerare sulla terza dose", afferma Ricciardi non escludendo che "ci sarà bisogno di una quarta" dose, un “richiamo”, che comunque non partirà "prima di alcuni mesi", probabilmente "a maggio o giugno".
Per Ricciardi il bilancio del 2021 è positivo, l'Italia ha risposto al Covid-19 "in maniera adeguata" ma ha subito la conseguenza delle scelte sbagliate di altri" Paesi.
"Non è un caso - spiega - che le 3 varianti che hanno caratterizzato il 2021, siano arrivi da paesi simbolo. La prima dal Regno Unito, che non ha fatto nulla per fermare il virus. La seconda dall'India, che aveva abbassato la guardia. E quest'ultima dal Sudafrica, dove si è diffusa perché la copertura vaccinale è minima. Ora finiamo il 2021 con una quarta ondata superiore per casi ai precedenti e la necessità di accelerare sulla terza dose", ribadisce.

Gestione delle scuole

Bisognerà inoltre centrare altri due obiettivi: convincere i no vax a vaccinarsi e fare un "salto di qualità" nella gestione delle scuole. Oltre ai tracciamenti va migliorata, in particolare, la gestione dell'ambiente e il ricambio d'aria.
"Assieme a mascherine e distanze servono un monitoraggio costante dell'aria con indice dell'anidride carbonica che permettano un corretto ricambio d'aria", spiega.

La lotta al virus

Ricciardi ritiene che bisognerà imparare a convivere con il Covid-19, ritenendo improbabile l'eradicazione.
"Finora ci siamo riusciti solo una volta, con il vaiolo - ricorda - Con gli altri virus bisogna convivere. Ciò però non vuol dire abituarsi a 100 morti al giorno o 50mila casi, ma a normalizzare precauzione e vaccini", conclude.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала