Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid Italia, Bassetti: "Basta con i tracciamenti, stia a casa chi è malato"

Matteo Bassetti - Sputnik Italia, 1920, 27.12.2021
Seguici su
Il primario genovese ha auspicato dei forti cambiamenti a livello legislativo per quanto riguarda le procedure anti-Covid, ed in particolare per la messa in quarantena dei contatti dei positivi.
"Deve cambiare tutto, non possiamo contrastare il Covid di dicembre 2021 con gli strumenti normativi del dicembre 2020".
Ad affermarlo al Secolo XIX è Matteo Bassetti, direttore delle Malattie Infettive dell'area metropolitana genovese.
Secondo l'esperto, nel prossimo periodo gli attuali "50.000 casi" di Covid al giorno sono destinati a diventare "molti di più" e, in questo senso, il sistema legato al tracciamento dei contatti positivi rischia di paralizzare il Paese.
Bassetti è infatti convinto che a rimanere a casa debba essere solo "chi è malato".
"Non possiamo continuare a mettere in quarantena e in isolamento forzato decine di persone per ogni tampone positivo", ha affermato.
Il direttore di malattie infettive ha quindi auspicato dei cambiamenti in questa direzione, sottolineando che "più dell'80% degli italiani è vaccinato e per loro il Covid, oggi, è poco più che un brutto raffreddore".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала