Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Green pass e assicurazione: ecco le nuove regole per sciare

© Cortina 2021 - PentaphotoMondiali di Sci Cortina 2021
Mondiali di Sci Cortina 2021 - Sputnik Italia, 1920, 25.12.2021
Seguici su
Sulle piste si potranno acquistare due tipi di skipass. Per accedere a funivie, cabinovie e seggiovie con cupole paravento servirà il certificato verde.
La variante Omicron, per ora, non sembra mettere in pericolo la stagione sciistica. Nonostante la pressione sugli ospedali, come hanno chiarito gli esperti dell’Iss e del Comitato tecnico scientifico del governo nella conferenza stampa di presentazione del nuovo decreto per frenare i contagi, stia aumentando in modo “lento ma costante”, non sono state imposte particolari restrizioni per il periodo natalizio.
L’Italia resta ancora in zona bianca o gialla e così molti non hanno voluto rinunciare alle vacanze in alta quota.
Ma quali sono le novità per la nuova stagione sciistica? Sulle piste, come si legge su Fanpage, si potranno acquistare due tipologie di skipass, uno per funivie, cabinovie e seggiovie con cupole paravento e un altro per tutti gli altri tipi di impianti di risalita.
Per il primo, in zona bianca e gialla, servirà il green pass con l’opzione del tampone. Se scatterà la zona arancione, però, l’accesso sarà possibile solo a vaccinati e guariti.
Per quanto riguarda il secondo tipo di skipass, in zona bianca e gialla, sarà acquistabile liberamente, mentre in zona arancione soltanto con il green pass.
Dal primo gennaio 2022, inoltre, sarà obbligatoria per gli sciatori una assicurazione per “danni e infortuni provocati a terzi”.
La nuova regola è contenuta nel decreto legge sulle “norme sulla sicurezza delle discipline sportive invernali”. L’articolo 30, come riferisce il Corriere della Sera, stabilisce che “lo sciatore che utilizza le piste da sci alpino deve possedere una assicurazione in corso di validità che copra la propria responsabilità civile per danni o infortuni causati a terzi”.
Si tratta, specifica il decreto, di una polizza di responsabilità civile che serve a coprire eventuali danni provocati durante lo svolgimento dell’attività sportiva sulle piste.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала