Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid-19, ministero della Salute: terza dose per adolescenti in fascia 16-17 anni e fragili 12-15

© Ospedale pediatrico Bambino Gesùsomministrazione vaccino
somministrazione vaccino - Sputnik Italia, 1920, 24.12.2021
Seguici su
La terza dose verrà estesa anche agli adolescenti tra i 16 e i 17 anni di età e a quelli in condizione di fragilità tra i 12 e i 15 anni, lo dice una nota del ministero della Salute. Si parte con le prime dosi a far data dal prossimo 27 gennaio.

Terza dose di richiamo in vista per gli adolescenti delle fasce di età 16-17 anni e 12-15, questi ultimi, per ora, solo se in condizioni di fragilità.

Lo annuncia una circolare del ministero della Salute.

Aifa: si pronuncerà in merito a tutti gli adolescenti a gennaio

Ad alzare il livello d'allarme sulla pandemia ci pensa Walter Ricciardi, consigliere scientifico del ministero, il quale, in un'intervista a Skytg24, riferisce che verosimilmente il Paese affronterà un numero di casi al pari degli altri paesi dell'area UE.
Intanto, Aifa fa sapere che si pronuncerà in merito a tutti gli adolescenti, fragili e non, entro il prossimo gennaio.
L'istituto superiore di Sanità ha reso nel frattempo noti i dati aggiornati sull'andamento della pandemia, da cui si evince che 18 regioni vengono classificate come a rischio moderato, mentre due sono a rischio alto.

Nuove misure

La cabina di regia del governo Draghi di ieri ha evidenziato un aumento di nuovi casi non associati a catene di trasmissione, passati a 62.669 da quota 42.675 della settimana precedente.
Il governo approva così anche l'uso delle mascherine all'aperto e mascherine ffp2 in alcuni casi.
Chiusi i locali da ballo, veto posto alle feste di piazza, possibilità di consumare al banco all'interno dei locali solo se in possesso di super green pass.
Primo Consiglio dei ministri del Governo Draghi - Sputnik Italia, 1920, 24.12.2021
Obbligo vaccinale pubblica amministrazione rinviato, tensione tra Draghi e ministri
Su queste misure si dichiara scettica, come riporta Skytg24, la senatrice Daniela Sbrollini, d'Italia Viva:

"La scelta del governo di chiudere le discoteche è miope perché ancora una volta non comprende che queste attività sono aziende a tutti gli effetti ed hanno il diritto di lavorare come tutti gli altri. I protocolli di sicurezza ci sono ed hanno sempre garantito condizioni di sicurezza sicuramente più efficienti della marea di feste, festini privati all'interno di appartamenti privati. Le capriole del Ministero e del Cts hanno veramente stancato, in questo modo umiliando la dignità, la vita e il lavoro degli imprenditori e dei lavoratori del mondo della notte".

Super green pass necessario anche per l'ingresso nei musei. Il pass è stato ridotto a 6 mesi, dopodiché dovrà essere rinnovato.
A dare conferma alla somministrazione della terza dose per gli adolescenti ci pensa il sottosegretario alla Salute Andrea Costa:

"Attendiamo l’indicazione da parte dell'Aifa, che potrebbe arrivare anche nelle prossime ore. La comunità scientifica sta lavorando e non appena avremo questa indicazione dobbiamo farci trovare pronti per procedere alle somministrazioni", su Radio 24.

Inaugurato dalla rettrice dell'Università degli Studi di Roma La Sapienza Antonella Polimeni, l'albero di Natale presso la città universitaria - Sputnik Italia, 1920, 23.12.2021
Gimbe e le proposte per il Natale: obbligo vaccinale e mascherine Ffp2 al chiuso
Nei giorni scorsi si erano accese forti polemiche sul tema, specie da chi, come Alessio D'Amato, assessore alla Sanità della regione Lazio, citato da Il Corriere, sollevando il caso, sottolineava il fatto che proprio nel momento in cui gli organismi di controllo per la prevenzione e le malattie (vedi Ecdc) lanciavano l'allarme sulla variante Omicron in diffusione in Europa, ci si stava attardando nel "definire le procedure per il richiamo nella fascia 12-17", nei confronti di quei giovani che "avevano completato le prime due dosi da ormai 150 giorni".

"È una fascia che rischia di essere non coperta e maggiormente esposta agli effetti della variante soprattutto in un momento di festività in cui sono maggiori le occasioni di socialità. Oggi questa fascia rischia di rimanere nel limbo".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала